Il Songkran Festival

Il Songkran Festival conosciuto anche come festa dell’acqua, è la celebrazione del capodanno buddista che, secondo il calendario solare, si svolge tra il 5 e il 20 aprile. In Thailandia il Songkran è stato fissato il 13 aprile e si prolunga ufficialmente fino al 15 aprile. Ufficiosamente a volte può durare un’intera settimana, a seconda della zona o della città del regno.

Durante la festa si svolgono spettacoli culturali; come la danza mascherata Khon, lo spettacolo di marionette con le ombre di Nang Yai, lo spettacolo di marionette tailandesi e concerti di musica contemporanea.

Durante l’evento vengono consumate varie pietanze, snack e dessert tailandesi rari e tradizionali; inoltre sono presenti numerosi prodotti dell’artigianato locale.

Il primo giorno del festival alle prime luci dell’alba, i fedeli si recano nei templi, per offrire cibo ai monaci e ricevere la benedizione e la  purificazione, questo avviene versando acqua sulle statue del Buddha per lavare via i peccati e purificarsi dalla sfortuna.

Queste cerimonie di purificazione con l’acqua si sono trasformate nel tempo, fino a diventare l’enorme battaglia d’acqua che si svolge oggi.

Originariamente il Songkran veniva celebrato solo nel nord del paese, ma ora si è diffuso in tutta la Thailandia. Le celebrazioni più famose o famigerate si svolgono ancora nel nord, in particolare a nella città di Chiang Mai, dove il festival è stato allungato ad 8 giorni, il che lo rende uno dei posti migliori per festeggiare la più grande battaglia d’acqua del mondo. Una festa super divertente con pistole ad acqua e secchi d’acqua scaricati su tutti a Chiang Mai, nessuno è al sicuro! Solo i monaci, i bambini e gli anziani sono risparmiati.

Lo scenario perfetto per un’incredibile e indimenticabile esperienza culturale è intorno alla Porta di Tha Phae, al fossato e vicino al fiume Ping. Ciò è dovuto alla fonte d’acqua infinita.

vector created by freepik – www.freepik.com</a>

Scoprire la Thailandia in treno

Un’opzione interessante per viaggiare in Thailandia è quella di prendere il treno. Nonostante la rete degli autobus sia molto più estesa e ben collegata, anche i viaggi in treno hanno i loro vantaggi, soprattutto se non si ha fretta e si vuole godere appieno l’atmosfera del viaggio.

Il principale snodo ferroviario della nazione è Bangkok. La stazione della città si chiama Hualamphong ed è facilmente raggiungibile dal centro di Bangkok con la metropolitana (MRT). La stazione di Hualamphong, nonostante sia stata costruita ben 101 anni fa, è ancora uno degli edifici più utilizzati della capitale. Il progetto appartiene all’architetto torinese Mario Tamagno, il quale ha donato all’edificio uno stile neorinascimentale. I collegamenti offerti da questa stazione toccano tutti e quattro punti cardinali: il nord con Chiang Mai, il sud-ovest con Trang e Nakhon Si Thammarat, ed infine l’est con Ubon Ratchathani, Nong Khai, Sattahip e Aranyaprathet.

Viaggiare con il treno all’interno della Thailandia è un’esperienza diversa e stimolante. Proprio per questo motivo è spesso un’attività molto gettonata dai turisti. Le tratte più affollate sono quelle che vanno da Bangkok a Chiang Mai, ed anche quelle che vanno al confine con il Laos. Un’ottima idea è quella di prenotare i biglietti con qualche giorno di anticipo, in particolar modo se si viaggia in periodi particolarmente affollati come il capodanno Thai, che cade a circa metà aprile di ogni anno, oppure durante le vacanze di Natale e Capodanno.

Dopo aver scelto la meta, per comprare il biglietto ci si reca in uno dei vari sportelli che si trovano all’interno delle stazioni. Ricordarsi di portare al seguito un documento di identità, meglio se il passaporto, perché verrà richiesto per confermare la prenotazione e i dati sul biglietto. Un’ottima alternativa è quella di comprare direttamente i biglietti online, sul sito ufficiale delle ferrovie Thailandesi (http://www.railway.co.th/main/index_en.html) . Una volta selezionata la tratta e le date che interessano, si procede al pagamento del biglietto che può essere poi stampato a casa. Oltre al sito ufficiale ci sono anche altre piattaforme che offrono lo stesso servizio. I biglietti possono essere comprati fino a due mesi in anticipo recandosi di persona alla stazione, oppure un mese in anticipo nel caso delle vendite online. Le biglietterie sono aperte tutti i giorni dalle 8,30 alle 16,00. Una cosa importante da ricordare è che i biglietti online sono acquistabili solo per le corse che partono da Bangkok oppure da Chiang Mai.

Classi e tipi di treni

Esistono tre classi di servizio: prima, seconda, e terza classe.

Così come in Europa, anche in Thailandia la classe con più confort è la prima. I vagoni dedicati alla prima classe sono dotati di sedili più comodi, aria condizionata e servizio bar. I treni notturni che vanno da Bangkok a Chiang Mai dispongono di scompartimenti cuccette con solo due letti all’interno, ed un lavandino privato.

La seconda classe è anch’essa dotata di aria condizionata e sedili piuttosto confortevoli. Le cuccette notturne della seconda classe sono anch’esse abbastanza comode e dispongono tutte di un vano per appoggiare i bagagli. Per questo rango di classe è possibile scegliere tra vagoni con aria condizionata e vagoni con ventilatori. Sia in prima che in seconda classe, i letti per i viaggi notturni vengono ricavati togliendo il tavolino tra i due sedili. Allungando la seduta si crea un letto vero e proprio. Alla fine di ogni carrozza si trovano i servizi igienici ed anche la doccia, che però ha solo acqua fredda.

In terza classe si trovano, invece, vere e proprie cassapanche in legno e neanche un accenno di aria condizionata o ventilatore.

Vi sono inoltre quattro tipi di treno: ordinario, rapido, espresso, ed espresso speciale.

I treni ordinari sono quelli che dispongono solo della terza classe, mentre gli altri tre tipi di treni non differiscono in modo particolare. Sono tutti dotati di prima, seconda, e terza classe, ed hanno tutti almeno una carrozza per i viaggi notturni.

Attraverso i collegamenti appena menzionati, si riesce ad arrivare anche in paesi limitrofi come il Laos, la Cambogia, ed anche la Malesia, grazie al famoso e lussuoso Eastern Oriental Express. Conosciuto come uno dei treni più lussuosi del mondo, l’Oriental Express dona la possibilità di visitare quattro paesi nel giro di pochissimi giorni .

Cambogia- Angkor

Tra le mete thailandesi più suggestive da visitare con il treno, c’è Kanchanaburi. Questa piccola cittadina, situata a 130 chilometri ad ovest di Bangkok è oggi conosciuta anche per la  “Ferrovia della Morte”. Questo tratto di ferrovia è molto visitato e può essere considerato una delle maggiori attrazioni della provincia di Kanchanaburi, assieme al ponte Kwai, costruito dai prigionieri di guerra alleati nel 1942. L’intera regione è diventata particolarmente famosa grazie al romanzo del 1952 di Pierre Boulle, chiamato proprio “Il ponte sul fiume Kwai”, ed all’omonimo film girato nel 1957. Il ponte fungeva da collegamento chiave per le truppe giapponesi che si dovevano spostare dal Myanmar alla Thailandia. Il nome “Ferrovia della Morte” deriva invece dall’elevato numero di persone che hanno perso la vita nella costruzione del ponte stesso; perlopiù prigionieri olandesi, francesi, inglesi, e americani. Nonostante sia stato bombardato dai britannici ed in parte di distrutto negli anni 50, il ponte di metallo è tutt’oggi visitabile sia a piedi che in treno. Vi è una corsa ogni 20 minuti, tutti i giorni, dalle 08,00 alle 15,00. Le possibilità per arrivare a Kanchanaburi da Bangkok sono diverse fra cui gli autobus che partono dalla stazione Morchit, situata a nord della Capitale. Il treno, invece, non parte dalla stazione centrale di Hualamphong, bensì da quella di Thonburi, una piccola cittadina situata nella parte ovest del fiume che attraversa Bangkok: il Chao Praya. Si può arrivare a Thonburi in taxi e prendere uno fra gli unici due treni della giornata: il primo alle 07.45 del mattino, ed il secondo alle 13.35.

Se desideri maggiori dettagli per realizzare il tuo viaggio in Thailandia contattaci, saremo a tua disposizione per ogni tua esigenza.

info@explorandoviaggi.it

EXPLORE ISLANDA

VIAGGIO DI GRUPPO

ISLANDA

EURO 1330

4-12 MAGGIO 2021

Accompagnato da Luca Donia

L’Islanda è la natura nella sua forma più pura, ogni cascata, fiume, montagna è un tripudio di energia vitale.

Scoprire questa terra è una delle esperienze che nessun viaggiatore dovrebbe mancare.

Visiteremo luoghi magici ed unici, andremo a caccia dell’aurora boreale, cammineremo su un ghiacciaio, vedremo geyser protendersi verso il cielo, relitti dimenticati sulla sabbia, tramonti unici, scogliere sull’oceano.

Io ci ho provato a descrivervi le emozioni, adesso siete voi che dovete viverle.

Luca1

Perché partire con Luca:

Perché ho dedicato tutta la mia vita adulta a viaggiare. Prediligo un modo di viaggiare autentico improntato alla conoscenza dei popoli che ci ospitano studiandone la cultura e le arti.

Perché amo immergermi nel paese in cui mi trovo esplorandone ogni angolo.

Perchè da un gruppo in viaggio nascono amicizie uniche e durature.

Perché se desideri vivere appieno e con entusiasmo ogni singolo minuto a disposizione sei nel posto giusto.

Perché desidero condividere con voi l’entusiamo e l’amore per la vita che conduco.

Perché una delle maggiori fonti di felicità è la condivisione dell’esperienza di viaggio.

PROGRAMMA:

1° Giorno 4 Mag:  MILANO- REYKJAVIK

Partenza da Milano Malpensa per volo diretto Milano- Reykjavik

Arrivo in Islanda, Una volte sbrigate le formalità di ingresso noleggeremo i nostri 4×4 e ci dirigeremo nel centro di Reykjavik. Faremo un primo giro del centro gustando qualche piatto tipico  prima di rientrare nel nostro ostello per conoscerci un po’ e pianificare i prossimi, fantastici, giorni.

2° Giorno 5 Mag :  TRA CASCATE E ANTICHI RELITTI

Oggi si inizia a fare sul serio. Ci dirigeremo verso sud dove incontreremo la cascata di Skogafoss resa ancora più celebre dalla serie del trono di spade e dal magico arcobaleno che fa capolino nelle giornate di sole. Una volta ripartiti ci aspetta la prima camminata del viaggio. Ci dirigeremo infatti lungo il sentiero che dalla spiaggia nera di Solheimasandur conduce in un’ora al relitto del Douglas super DC-3. La carcassa dell’aereo è uno dei luoghi più fotografati d’Islanda ma vi assicuro che la posizione e l’evocatività del paesaggio meritano il nostro tempo. Tornati alle auto visiteremo la cascata Seljalandfoss e la bellissima Gljufrabui, un’altra cascata nascosta tra le più belle del paese. Nel pomeriggio andremo ancora più a sud fino alla spiaggia nera di Reynisfjara che con le sue colonne basaltiche e le grotte nei dintorni ci darà l’impressione di essere finiti in un altro mondo. Chiuderemo questa intensa giornata con il tramonto sul promontorio di Dyrholaey che per me è stato uno dei posti più belli in Islanda e dove puntualmente mi commuovo. Dormiremo nei dintorni di Vik sperando di poter avvistare l’aurora boreale.

Luca2

3° Giorno 6 Mag: LAGUNE DI GHIACCIO E SCALATA SU UN GHIACCIAIO

Sveglia al mattino per andare a visitare la laguna di ghiaccio di Jokulsarlon attraversando alcuni dei paesaggi più belli d’Islanda. La particolarità della laguna risiede nella presenza di migliaia di iceberg che costellano la superfice. Nei mesi invernali è anche possibile salire sugli scogli di ghiaccio per scattare fotografie memorabili. In presenza di sole, la superfice degli iceberg crea degli effetti di luce assolutamente unici. Credetemi se vi dico che difficilmente dimenticherete questo luogo per il resto della vita. Dopo la laguna andremo anche alla Diamond Beach, una spiaggia vulcanica costellata da enormi pezzi di ghiaccio. Nel primo pomeriggio è il momento di fare la conoscenza del più grande ghiacciaio d’Islanda, il Vatnajokull. Qui potremo effettuare l’escursione al ghiacciaio (circa 130 euro, non compreso nella quota) per visitare le magiche ice cave e camminare armati di ramponi e piccozza lungo una delle lingue di ghiaccio. Nel corso del mio viaggio personale, questa è stata una delle esperienze più belle fatte. Chi non desidera partecipare all’escursione potrà visitare il parco nazionale di Skaftafell dove un breve trekking conduce alla cascata basaltica di Svartifoss e ad una terrazza panoramica sul ghiacciaio. In serata rientreremo a Vik nella speranza di avvistare ancora una volta le magiche luci del nord.

4° Giorno 7 Mag: IL CIRCOLO D’ORO

Oggi è il momento di visitare il circolo d’oro, una delle zone più turistiche d’Islanda ma imperdibile per le meraviglie naturali che nasconde. Inizieremo con la visita alla gigantesca cascata di Gullfoss seguito dal Geyser Strokkur che erutta ogni cinque minuti circa tra gli sguqrdi estasiati dei visitatori. Ci dirigeremo poi al parco nazionale di Thingvellir importantissimo sia sotto il profilo geologico che quello storico. Qui infatti le placche tettoniche nordamericana ed europea si separano di pochi millimetri ogni anno ed il luogo è stato anche il primo parlamento di Islanda. Qui le tribù si riunivano per discutere di questioni politiche ed economiche ed è ancora oggi possibile notare le tracce dei capannoni improvvisati che venivano allestiti in queste occasioni. Pernottamento nella zona di Borgarnes.

Luca3

5° Giorno 8 Mag: LA PENISOLA DI SNAEFELLSNESS PER UN VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA

Dedicheremo l’intera giornata all’esplorazione della penisola di Snaefellsness, uno dei pochi luoghi non turistici rimasti sull’isola. Qui le meraviglie naturali si sprecano tra vulcani, spiagge, ghiacciai e paesini delizioni. Inizieremo da Itri Tunga dove potremo osservare le foche che stazionano digli scogli per poi dirigerci verso Arnastapi, un bellissimo villaggio di pescatori, e a Budir con la celebre e solitaria chiesa nera. Dopo pranzo faremo la conoscenza del vulcano Snaefellsjokull e del ghiacciaio che lo avvolge. Se avete già sentito questo nome non c’è da stupirsi, è qui infatti che Jules Verne ambientò il suo testo più celebre “viaggio al centro della terra”. Continuando il periplo della penisola ci imbatteremo nel monte Kirkjufell uno dei simboli più famosi d’Islanda apparso spessissimo nella serie del Trono di spade. Completeremo la nostra visita al villaggio di Stykkisholmur dove sono state girate molte scene del film “Walter Mitty” prima di rientrare nella nostra guest house a Borgarnes.

6° Giorno 9 Mag: IMMERGERSI IN UN FIUME TERMALE

Oggi ci dedichiamo un po’ al relax ma dovremo sudarcelo. Inizieremo a macinare chilometri diretti al cratere vulcanico di Kerid che presenta un lago dai colori meravigliosi. Dopo la visita ci dirigeremo nella zona termale di Hveragerdi. Qui ci aspetta un breve ma intenso trekking per raggiungere un meraviglioso e rilassante fiume termale immerso nella natura. Potremo fare quindi il bagno in questo luogo appartato e fuori dal mondo godendoci i silenzi del nord. Rientremo quindi a Reykjavik per goderci il tramonto dal Perlan, la cupola di vetro che sovrasta la città.

Luca4

7° Giorno 10 Mag: TRA POZZE DI FANGO E COLATE LAVICHE

Oggi visiteremo un’altra zona poco conosciuta del pese, la penisola di Reykjanes. Visiteremo il parco nazionale di Reikjanesfolkvangur con il profondissimo lago Kleifarvatn e le zone geotermiche tra geyser e pozze di fango incandescente. Visitermo poi il villaggio di pescatori di Grindavik prima di dirigerci alla famosissima Blue Lagoon. Qui chi vorrà potra rilassarsi tra le sue acque azzurre (costo approssimativo 75 euro). Rientro e pernottamento a Reykjavik.

8° Giorno 11 Mag: VISITANDO LA CAPITALE DEL PAESE

Dedicheremo tutto il tempo a nostra disposizione alla visita della città di Rekjavik, della zona del porto e del centro storico. Spostamento in tempo utile verso l’aeroporto di Keflavik per la restituzione dei veicoli ed i controlli di sicurezza. Lasceremo quindi l’Islanda diretti in Italia con la gioia di avere visitato uno dei paesi più belli del mondo e con voglia di tornare al più presto.

9° Giorno 12 Mag: MILANO

Arrivo e fine dei servizi

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

Da Milano Malpensa             Euro 1210,00   

Assicurazioni                         Euro   120,00

LA QUOTA COMPRENDE:

Voli low cost in classe economica con il solo bagaglio a mano (gli operativi dei voli saranno comunicati una volta che il gruppo è stato formato)

Tutti i pernottamenti in camera doppia o multipla in guesthouse o ostelli boutique con bagno in comune.

Noleggio auto 4×4 con assicurazione TOTALE già inclusa nel pacchetto. Significa che non dovremo preoccuparci di nulla e che non ci sono costi nascosti. Un’auto sarà guidata da me e l’altra da uno dei volontari tra i partecipanti al viaggio.

Chilometraggio illimitato

Assicurazione sanitaria e bagaglio

Assicurazione annullamento IMA SILVER SPECIAL (compreso Covid 19)

 Assicurazione I4FLIGHT

Assicurazione WIZZ FLEX

Accompagnatore dall’Italia

LA QUOTA NON COMPRENDE:

Carburante auto (da dividere equamente tra i partecipanti)

Escursione facoltativa alle grotte di ghiaccio (circa 130 euro)

Blue Lagoon facoltativa (circa 75 euro)

Eventuale Tampone Covid 19 (circa 60 euro)

Pasti, bevande e spese personali

Tutto ciò che non rientra nella “quota comprende

 

PER INFO E PRENOTAZIONI:

Per prenotare è sufficente mandare una mail o telefonare a:

Explorando Tour Operator, Via Alessandro Manzoni 3/a – 10122 Torino

Tel: 011540520

E-mail: info@explorandoviaggi.it

AZZORRE

TOUR DI GRUPPO

DI 8 GIORNI – 7 NOTTI

PARTENZA SPECIALE  17  Giugno 2021

ACCOMPAGNATA DA TOM TACCARDI

Un insolito tour con accompagnatore dall’Italia, alla scoperta delle Azzorre, tra maestosi vulcani, laghi , paesaggi mozzafiato e città ricche di storia.

Tutte le nove isole dell’Arcipelago delle Azzorre sono d’origine vulcanica, e si trovano  in pieno Nord Atlantico. Le isole dell’arcipelago sono divise in tre gruppi geografici: il Gruppo Orientale (composto da Santa Maria e São Miguel), il Gruppo Centrale (che comprende le isole di Terceira, Graciosa, São Jorge, Pico e Faial) ed il Gruppo Occidentale (costituito dalle isole di Corvo e Flores). Le Azzorre, insieme agli arcipelaghi di Madera, delle Canarie e di Capo Verde, costituiscono la regione biogeografica della Macaronesia, designazione greca che significa “isole fortunate”. E’ davvero fortunato chi vi abita e chi le visita!

PROGRAMMA:

1° giorno 17 Giu – MILANO – LISBONA- SÃO MIGUEL

Partenza dall’Italia con volo di linea Tap via Lisbona e arrivo a São Miguel. Trasferimento dall’aeroporto all’Hotel Vila Nova. Sistemazione. Tempo a disposizione per un giro orientativo. Pernottamento

São Miguel, situata sul lato orientale dell’arcipelago, è di gran lunga la più grande delle nove isole essendo lunga 65 km, 14 km nel punto più ampio e con una superficie di 750 kmq. È composto da 6 complessi vulcanici e comuni. A ovest dell’isola, troviamo Ponta Delgada, sede del governo regionale, la città principale e il porto che ha conservato la sua bellezza storica. È un piacere esplorare le stradine acciottolate delimitate da case d’epoca molto ben conservate. All’interno di questo comune si trovano le Sete Cidades, un cratere di un vulcano spento di 40 kmq, all’interno di due magnifici laghi. A nord dell’isola si trova la città agricola di Ribeira Grande, circondata da terre fertili che producono raccolti che includono patate, tabacco, barbabietola da zucchero, frutto della passione e tè (l’unico posto in Europa dove viene coltivato). Anche qui troviamo il drammatico Lago di fuoco “Lagoa do Fogo” e deliziose spiagge adagiate sotto alte scogliere.

La costa nord-orientale è una regione molto speciale e relativamente sconosciuta con spettacolari scogliere, altopiani fioriti, campi e montagne boscose a picco sul mare. Questa è la casa del raro ciuffolotto delle Azzorre. Il comune di Povoacão si trova a sud-est. con i giardini più belli delle Azzorre. La città termale di Furnas, una delle più grandi sorgenti di acqua termale del mondo, con il suo bellissimo lago quadrato di due chilometri delimitato da numerose azalee, ospita un giardino botanico di 30 acri di grande importanza internazionale.

A sud di São Miguel, i comuni di Vila Franca do Campo (la città è stata la prima capitale dell’isola) e Lagoa,  sono zone montuose e agricole con scogliere nere che scompaiono nell’oceano. Qui vengono coltivate ananas, banane e  arance.

C’è così tanto da fare durante il tuo soggiorno a São Miguel, scegli tra avvistamento di balene e delfini, immersioni, pesca d’altura, passeggiate e molto altro ancora.

GIORNO 2 – SÃO MIGUEL

Prima colazione. Con la nostra guida locale passeggiando, si  visita Ponta Delgada : Piazza Gonçalo Velho ; centro storico ; museo (chiuso il lunedì) e la chiesa Nossa Senhora da Esperança. Pranzo in ristorante locale. In seguito partenza per Ribeira Grande per visitare il centro città. La strada sale a 900 m di altitudine e offre un meraviglioso panorama dell’isola fino a Lagoa do Fogo, uno dei punti più belli di São Miguel. Il tour continua con direzione a Lagoa per visitare la tradizionale fabbrica di ceramiche. Ritorno in albergo. Pernottamento

GIORNO 3 – SÃO MIGUEL – FURNAS – SÃO MIGUEL

Prima colazione. Partenza per Furnas percorrendo la strada costiera Sud, visita a Lagoa e Água de Pau. In seguito visita a Vila Franca do Campo (pima capitale dell’isola). A Furnas, visita del lago e delle caldere limitrofe dove viene preparato il famoso “Cozido”, misto di carni e verdure cucinate in una caldera vulcanica. Dopo pranzo visita al Jardim Botânico Terra Nostra, uno dei più importanti giardini dell’isola con una piscina naturale alimentata da acque termali riscaldate. Ritorno a Ponta Delgada per la strada costiera Nord, nel tragitto visita a una piantagione di Tè, in attività da XIX secolo, e al belvedere di Santa Iria. Pernottamento.


GIORNO 4 – SÃO MIGUELTOUR SETE CIDADES

Prima colazione. Partenza da Ponta Delgada,   Percorrendo la strada del Carvão si raggiunge Sete Cidades. Durante il tragitto fermata nel belvedere Vista do Rei, domina dall’alto la valle. Una volta arrivati breve passeggiata e pranzo in un ristorante locale. Il tour continua lungo la strada Nord e a Vilas das Capelas visita al museo Etnografico. In seguito visita a una piantagione di Ananas e ritorno in città. Pernottamento.

GIORNO 5 – SÃO MIGUEL / FAIAL  L’ISOLA BLUAVVISTAMENTO DELLE BALENE

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto. Volo per l’isola di Faial. Trasferimento dall’aeroporto all’Hotel A piedi si raggiunge la marina di Horta per l’uscita in Oceano Atlantico per l’avvistamento di balene e delfini. L’attività Whale Watching (circa 3 ore) dipende dalle condizioni meteo-marine e il servizio non è privato, altri clienti possono condividere l’escursione. Rientro in albergo. Pernottamento.

L’isola di Faial ha cinque coste è diventata il luogo di riposo dei marinai transatlantici. Horta, il porto principale, ha un’atmosfera cosmopolita ed emozionante , nei bar e nei ristoranti, si sentono frammenti di storie di vela da tutto il mondo. L’atmosfera al leggendario Peter’s Cafe, di fronte al porto, racchiude l’essenza stessa dell’avventura nautica.

L’isola è dominata dal vulcano di 1.043 m e della sua vasta Caldeira (cratere vulcanico e riserva naturale), a cui si accede attraverso un tunnel nel lato vulcano.

Da metà giugno ad agosto l’isola è un tripudio di blu come le siepi di ortensie, originariamente importate da Cina e Giappone,

Il vulcano Capelinhos, considerato un punto di riferimento nel mondo della vulcanologia è una delle principali attrazioni di Faial, dove il visitatore rimarrà colpito dagli effetti dell’eruzione del 1957. Si tratta di una zona classificata come zona protetta di alto livello geologico e interesse biologico.Horta è un’ottima base da cui partire per visitare le isole di Pico (tutto l’anno con diverse escursioni giornaliere) e São Jorge (solo nei mesi estivi). Da Horta ci sono vedute meravigliose e in continua evoluzione del vulcano di Pico, che dista a soli  8 km.

GIORNO 6 – FAIAL

 Prima colazione.  Partenza con direzione Capelinhos zona dell’ultima eruzione vulcanica del 1957, e visita al Centro Vulcanico (da ottobre a maggio chiuso il lunedì). Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita all’azienda casearia locale e a Caldeira, il punto più alto dell’isola. Nella strada del ritorno fermate per ammirare gli splendidi scenari delle valli Flamengos e Espalanca dove sono localizzati i mulini a vento. Rientro in albergo. Pernottamento.

GIORNO 7 – FAIAL / PICO / FAIAL

 Prima colazione.  In mattinata, trasferimento al porto. Traghetto per l’isola di Pico (30 minuti). Arrivo a Madalena e partenza per la scogliera Cachorro attraversando alcuni villaggi tipici come São Roque. Il tour prosegue per la strada montana fino a 900 metri di altitudine, per visitare il lago Capitão, proseguimento fino al comune di Lajes. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita al museo dei Balenieri (chiuso il lunedì). Ritorno a Madalena per la strada costiera Sud, visita alla chiesa São Mateus e alla zona dei vigneti (Patrimonio Mondiale Unesco) dove si coltiva il vitigno autoctono Verdelho, tipico delle Azzorre e in particolare di Pico. Visita la museo del vino (chiuso il lunedì). Ritorno in traghetto a Faial e trasferimento dal porto all’hotel. Pernottamento.

Lungo 42 km e largo 15 km, con una superficie di 448 kmq, Pico è dominato dal suo vulcano (innevato in inverno) a 2351m è il punto più alto del Portogallo. I panorami da e verso il vulcano sono spettacolari e la sua presenza apparentemente unisce le isole centrali di Faial, Sao Jorge e la stessa Pico.

Non si possono avere dubbi sul fatto che quest’isola sia vulcanica, infatti tra Madalena e Lajes troviamo le pietre e le rocce nere meticolosamente raccolte per realizzare le labirintiche recinzioni murate che proteggono la famosa uva Pico verdelho (vino verdelho fortificato) che, si dice, fu importato nel XVI secolo da Cipro. Anche le case e le chiese sono nere – le loro decorazioni sono evidenziate in bianco.

Pico e la vicina Faial (a 30 minuti di barca da Madalena) erano i centri per la tradizionale caccia alle balene, un industria importante per le isole fino al suo divieto nel 1987. Queste due isole sono oggi il centro di un crescente interesse per l’avvistamento delle balene.

GIORNO 8 – FAIAL –  LISBONA – MILANO

 Prima colazione.  Trasferimento dall’hotel all’aeroporto e partenza per l’Italia con volo di linea Tap via Lisbona. Arrivo e fine dei servizi.

SISTEMAZIONI:

MY STORY HOTEL VILA NOVA 3* 

Situato vicino al centro storico e alla tradizionale area dello shopping, vicino all’Oceano Atlantico e al porto. L’hotel Vila Nova dispone di 102 camere moderne dotate di aria condizionata, bagno completo, asciugacapelli, TV via cavo, telefono con linea diretta, accesso a Internet e cassaforte in camera. Altri servizi includono una sala giochi, una sala riunioni, una sala fitness, chiosco Internet gratuito, servizio lavanderia, piscina esterna riscaldata, parcheggio, bar con servizio snack e un ristorante, distributori di bevande analcoliche in tutti i piani.

HOTEL AZORIS FAIAL GARDEN 4*

L’Azoris Faial Garden ha il concetto perfetto per coloro che cercano una vacanza nel più puro riposo e tranquillità della natura. Con una vista mozzafiato e privilegiata sull’Atlantico e sul monte Pico, l’ammirevole hotel a quattro stelle offre comfort e benessere per ricevere il meglio dei suoi ospiti. Situato nella città di Horta, sull’isola di Faial, a 5 minuti a piedi dal centro e dal porto turistico. A disposizione un Centro Benessere per prenderti cura di te stesso – Idromassaggio, Sauna, Bagno Turco, Palestra – e potrai usufruire anche delle Piscine Esterne e Coperte.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE  A PERSONA :

Da Milano                                                                            Euro  2.190,00

Supp. Singola                                                                      Euro     360,00

Quota Iscrizione                                                                Euro       40,00

Ass. annullamento I4T – Anti Covid                               Euro       70,00          ( Under 64 anni)

Ass. annullamento I4T – Anti Covid                               Euro       120,00        ( Over 64 anni)

 

LA QUOTA COMPRENDE:

– Voli dall’Italia ,voli interni e relative tasse aeroportuali

* 7 notti negli hotel menzionati in pernottamento e prima colazione;

* Trasferimenti e tour come descritti nel programma con guida parlante italiano;

* 5 pranzi con bevande incluse (vino bianco e rosso, birra, bibite, acqua minerale, caffè o tè);

* Biglietti d’ingresso (Museo a Ponta Delgada, Lago di Furnas, Giardino Terra Nostra, Museo Etnografico, Monumento Naturale “Caldeira Velha”, Centro di interpretazione Capelinhos, Musei sull’isola di Pico);

* Traghetto HOR / PIX / HOR

ACCOMPAGNATORE DALL’ITALIA MINIMO 10 PARTECIPANTI

LA  QUOTA  NON COMPRENDE:

– Pasti e bevande non incluse nel programma
– Mance ed extra personali
– Tutto quanto non espressamente menzionato alla voce “la quota include”

AZZORRE SMART

10 Giorni – 9 Notti Euro 1650

VOLI AEREI E TASSE INCLUSE

Partenza 17 Luglio 2021

Tutte le nove isole dell’Arcipelago delle Azzorre sono d’origine vulcanica, e si trovano in pieno Nord Atlantico. Le isole dell’arcipelago sono divise in tre gruppi geografici: il Gruppo Orientale (composto da Santa Maria e São Miguel), il Gruppo Centrale (che comprende le isole di Terceira, Graciosa, São Jorge, Pico e Faial) ed il Gruppo Occidentale (costituito dalle isole di Corvo e Flores). Le Azzorre, insieme agli arcipelaghi di Madera, delle Canarie e di Capo Verde, costituiscono la regione biogeografica della Macaronesia, designazione greca che significa “isole fortunate”. E’ davvero fortunato chi vi abita e chi le visita!

Viaggio di gruppo in Fly & Drive con Accompagnatore dall’Italia

PROGRAMMA:

1° giorno  17 Lug MILANO – LISBONA- – SAÕ MIGUEL

Partenza dall’Italia con volo di linea Tap via Lisbona e arrivo a Saõ Miguel. Ritiro dell’auto a noleggio e sistemazione in ostello o in casa rurale. Pernottamento.

São Miguel, situata sul lato orientale dell’arcipelago, è di gran lunga la più grande delle nove isole essendo lunga 65 km, 14 km nel punto più ampio e con una superficie di 750 kmq. È composto da 6 complessi vulcanici e comuni. A ovest dell’isola, troviamo Ponta Delgada, sede del governo regionale, la città principale e il porto che ha conservato la sua bellezza storica. È un piacere esplorare le stradine acciottolate delimitate da case d’epoca molto ben conservate. All’interno di questo comune si trovano le Sete Cidades, un cratere di un vulcano spento di 40 kmq, all’interno di due magnifici laghi.

A nord dell’isola si trova la città agricola di Ribeira Grande, circondata da terre fertili che producono raccolti che includono patate, tabacco, barbabietola da zucchero, frutto della passione e tè (l’unico posto in Europa dove viene coltivato). Anche qui troviamo il drammatico Lago di fuoco “Lagoa do Fogo” e deliziose spiagge adagiate sotto alte scogliere.

La costa nord-orientale è una regione molto speciale e relativamente sconosciuta con spettacolari scogliere,

altopiani fioriti, campi e montagne boscose a picco sul mare. Questa è la casa del raro ciuffolotto delle Azzorre.

Il comune di Povoacão si trova a sud-est. con i giardini più belli delle Azzorre. La città termale di

Furnas, una delle più grandi sorgenti di acqua termale del mondo, con il suo bellissimo lago quadrato di due chilometri delimitato da numerose azalee, ospita un giardino botanico di 30 acri di grande importanza internazionale.

A sud di São Miguel, i comuni di Vila Franca do Campo (la città è stata la prima capitale dell’isola) e Lagoa,  sono zone montuose e agricole con scogliere nere che scompaiono nell’oceano. Qui vengono coltivate ananas, banane e  arance.

C’è così tanto da fare durante il tuo soggiorno a São Miguel, scegli tra avvistamento di balene e delfini, immersioni, pesca d’altura pesca, passeggiate e molto altro ancora.

2° giorno  18 Lug – SAÕ MIGUEL

Prima colazione. Partenza. verso il massiccio delle Sete Cidades, un’area con un cratere vulcanico centrale e una caldera piena di laghi, con vari coni, depositi di pomice, cupole laviche. Nel fianco nord-orientale di questo vulcano il Mosteiros Graben. Visita di Ferraria nell’estremo sud-ovest dell’isola con le sue sorgenti termali di origine vulcanica e le sue Terme SPA. Al ritorno a Ponta Delgada visita la Gruta do Carvão, il tunnel di lava più lungo dell’isola di São Miguel che si estende per 1912 metri. L’età della grotta è compresa nell’intervallo tra i 5000 ei 12000 anni, classificato come Monumento naturale regionale. Situato in una regione geologicamente conosciuta come “Complexo Vulcânico dos Picos”, un’area di fessura

vulcanismo composto da oltre 250 coni di scorie e colate laviche di natura basaltica. Penottamento.

3° giorno 19 Lug – SAÕ MIGUEL

Prima colazione. Partenza per il  villaggio di Lagoa per visitare l’OVGA (Centro di vulcanologia), il centro scientifico per ricerca applicata e divulgazione scientifica nel campo della vulcanologia, sismologia e geotermia. Si prosegue per la visita di Furnas, un villaggio con un vulcano che comprende due antiche caldere, occupato dal lago di Furnas. Si suggerisce il pasto tradizionale “cozido”( non incluso) cucinato all’interno di buchi dai vapori sotterranei del vulcano. Visita ai fumerols e alle sorgenti termali nel centro del paese. C’è anche il bel giardino botanico Terra Nostra dove si può nuotare in una grande piscina di acqua calda termale. Sulla via del ritorno a Ponta Delgada si prosegue fino alla cima della montagna di Lagoa do Fogo, il vulcano centrale dell’isola, per una vista incredibile. Possibilità di una nuotata a Caldeira Velha, una piscina naturale con acqua tiepida.

4° giorno 20 Lug – SAÕ MIGUEL- – TERCEIRA

Prima colazione. Riconsegna dell’auto a noleggio e volo diretto per Terceira ( 45 min). Ritiro dell’auto e sistemazione.  Terceira, il capoluogo Angra do Heroismo, primo esempio di urbanistica europea del XVI° secolo, è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco. Chiese, palazzi, Musei, la fortezza medievale con le sue mura, la zona del porto: tutto è rimasto preservato nei secoli. L’isola alterna paesaggi montani, una vegetazione lussureggiante, luoghi magici come la Caldera de Guilherme Montz, e le grotte di Algar Do Carvao formate da antiche colate di lava con un impressionate varietà di stalattiti e stalagmiti: non molte  le spiagge di sabbia nera: le piscine di mare protette dalle onde dell’oceano sono, al contrario, molto numerose. Pernottamento

5° giorno 21 Lug – TERCEIRA

Prima colazione. Partenza per Serra do Cume, un punto di vista con un bellissimo paesaggio, popolarmente chiamato “Patchwork Quilt”. Visita l’Algar do Carvão, un antico tubo di lava situato al centro dell’isola. Considerata una particolare Riserva geologica, ha un’altitudine di circa 550 metri sul livello del mare, con maestose stalattiti e stalagmiti e una pozza di acqua cristallina. Visita la Grotta di Natal (10 minuti in auto da Algar do Carvão), una vasta formazione geologica composto da lave fluide solidificate che formavano diversi tunnel, ramificazioni e stalattiti. Pernottamento

6° giorno 22 Lug TERCEIRA – PICO

Prima colazione.  Riconsegna dell’auto a noleggio e volo diretto per Pico.  All’arrivo ritiro dell’auto e sistemazione in ostello o in casa rurale. Pernottamento

Lungo 42 km e largo 15 km, con una superficie di 448 kmq, Pico è dominato dal suo vulcano (innevato in inverno) a 2351m è il punto più alto del Portogallo. I panorami da e verso il vulcano sono spettacolari e la sua presenza apparentemente unisce le isole centrali di Faial, Sao Jorge e la stessa Pico.

Non si può sbagliare che quest’isola sia vulcanica. Tra Madalena e Lajes troviamo le pietre e le rocce nere

meticolosamente raccolte per realizzare le labirintiche recinzioni murate che proteggono la famosa uva Pico verdelho (vino verdelho fortificato) che, si dice, fu importato nel XVI secolo da Cipro. Anche le case e le chiese sono nere – le loro decorazioni sono evidenziate in bianco.

Pico e la vicina Faial (a 30 minuti di barca da Madalena) erano i centri per la tradizionale caccia alle balene, un industria importante per le isole fino al suo divieto nel 1987. Queste due isole sono oggi il centro di un crescente interesse per l’avvistamento delle balene.

7° giorno 23 Lug PICO

Prima colazione.  Visite. Pernottamento

8° giorno  24 Lug PICO

Prima colazione.  Partenza per la scogliera Cachorro attraversando alcuni villaggi tipici come São Roque. Il tour prosegue per la strada montana fino a 900 metri di altitudine, per visitare il lago Capitão, proseguimento fino al comune di Lajes. Nel pomeriggio visita al museo dei Balenieri (chiuso il lunedì). Ritorno a Madalena per la strada costiera Sud, visita alla chiesa São Mateus e alla zona dei vigneti  con una vista impressionante su una vasta area  di muri lineari chiamati “currais” costruiti a mano con pietra vulcanica per proteggere le migliaia di vigneti dal vento e dall’acqua di mare. Luogo classificato dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità. Suggeriamo una sosta ad Adega da Buraca per una degustazione di vini e altri prodotti locali. dove si coltiva il vitigno autoctono Verdelho, tipico delle Azzorre e in particolare di Pico. Pernottamento

9° giorno  25 Lug PICO – LISBONA

Prima colazione.  In tempo utile riconsegna dell’auto in aeroporto e partenza da Pico  con volo di linea per Lisbona. Arrivo trasferimento con navetta in ostello. Giornata a disposizione per la visita della città. Pernottamento-

10° giorno  26 Lug LISBONA – MILANO

Prima colazione.  In tempo utile trasferimento con navetta all’aeroporto e partenza per l’Italia con volo di linea Tap. Arrivo e fine dei servizi.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE  A PERSONA :

Da Milano                                                                            Euro  1.650,00 

Quota Iscrizione                                                                 Euro       40,00

Ass. annullamento I4T – Anti Covid                                Euro      70,00

LA QUOTA COMPRENDE:

– Voli dall’Italia ,voli interni e relative tasse aeroportuali

– Affitto auto di Cat. B occupata da 5 passeggeri

– Km Illimitati

– Assicurazione SCDW & TP –

– Trattamento di pernottamento e prima colazione

– 9 Pernottamenti nelle strutture  previste 

ACCOMPAGNATORE DALL’ITALIA MINIMO 10 PARTECIPANTI

CONTRIBUTO SIMBOLICO ALLE ISTITUZIONI SOCIALI E AMBIENTALI: RABO DE PEIXE SABE SONHAR & LIFE PRIOLO:

LA  QUOTA  NON COMPRENDE:

– Pasti e bevande non incluse nel programma
– Mance ed extra personali
– Tutto quanto non espressamente menzionato alla voce “la quota include”

MESSICO, EL DIA DE LOS MUERTOS

Tra qualche giorno celebreremo il giorno dei morti, questo mi ha fatto risvegliare le sensazioni che il Messico trasmette in occasione di questo avvenimento. Un viaggio in Messico durante i festeggiamenti del “Dia de los muertos” è un’occasione unica per entrare in contatto con la cultura e le profonde tradizioni del popolo messicano.

Ispiratevi dal programma del viaggio che abbiamo realizzato recentemente con il giornalista e scrittore Enrico Martino in occasione del Dia de los muertos.

Se desideri maggiori dettagli per realizzare il tuo viaggio in Messico contattaci, saremo a tua disposizione per ogni tua esigenza.

info@explorandoviaggi.it

“Messico, con il suo nopal e il suo serpente… fiorito e spinoso, secco e solcato dagli uragani, violento di eruzioni e di colori… l’ultimo paese magico; magico di antichità e di storia, magico di musica e di geografia” In queste parole del poeta cileno Pablo Neruda c’è il senso profondo di un paese di silenzi e di voci, di natura assoluta e di civiltà, dove ognuno può cercare, e trovare, tra le tante voci la sua, voci che a ogni viaggio possono essere differenti, come i nostri stati d’animo. E se c’è un momento perfetto per scoprire l’anima più profonda del Messico è il tempo del Dia de los Muertos.

Quando in ogni cimitero del paese si veglia alla luce delle candele, aspettando il ritorno delle anime in  visita alle famiglie, e ogni angolo del paese si trasforma in un’orgia surrealista di piramidi di calaveras, icrani di zucchero filato, bare di cioccolato su cui il nome dell’amata viene scritto con delicati colori pastello, scheletri di ogni materiale umanamente concepibile.

Una tradizione così profonda e radicata da essere dichiarata dall’UNESCO nel 2003 “Capolavoro dell’Orale e intangibile Patrimonio dell’Umanità”, qualcosa di profondamente diverso da Hallowen o dalle nostre celebrazioni in cui l’elemento indigeno riaffiora prepotente. Soprattutto a Oaxaca dove potremo vivere nel modo più intenso questo spirito contemporaneamente impregnato di religiosità ma anche pronto a irresistibili sberleffi nei confronti dell’Aldilà.

Un modo diverso per immergersi nel Messico delle chiese coloniali colorate come torte nuziali e affollate di angeli e cherubini con piume azteche. O di spingersi tra le montagne dove Chaac, il dio maya signore delle nuvole e della pioggia, fa risuonare il rombo delle grandi cascate.

Cercando il silenzio, pieno di voci, delle piramidi maya che si alzano come astronavi di pietra sopra la nebbiolina che invade la selva. Ultima testimonianza di un mondo precolombiano che l’arrivo dei conquistadores ha travolto creando però le basi di un’affascinante contaminazione tra civiltà apparentemente lontane e inconciliabili. Da allora la capacità del Messico di assorbire e rielaborare influenze esterne non ha più smesso di produrre affascinanti sincretismi, religiosi, artistici, politici e culturali.

Dalla prima Rivoluzione del Ventesimo secolo all’esplosione artistica dei murales e alle contraddizioni di una capitale dove la ricchezza di offerta culturale è pari solo alla natura e alla biodiversità di un paese cerniera tra Stati Uniti e America Latina. Che continua, da sempre, a raccontare la creatività, la fede, le paure, le credenze, i colori, la gioia, con il “potere – come sosteneva Andrè Breton – di mantenere aperto un registro inesauribile di sensazioni, dalle più dolci alle più insidiose”.

( Testo di Enrico Martino)

http://www.explorandoviaggi.it

Messico, Dia De Los Muertos

1° Giorno – 26  Ottobre – ITALIA/MEXICO CITY

Partenza dall’Italia con volo di linea per Mexico City.

Arrivo in una delle più una delle più grandi megalopoli del mondo, Città del Messico, nata sulle rovine dell’antica capitale azteca di Tenochtitlàn, una Venezia precolombiana sull’antico lago di Texcoco, simile a un miraggio per i conquistadores di Cortés. “Le torri e le case così maestose, tutte di pietra massiccia, venivano fuori dall’acqua. Somigliavano a castelli incantati”, scriveva Bernal Diaz del Castillo cronista della Conquista. Nella sua relazione all’imperatore Carlo V, Cortes ebbe difficoltà a descrivere  la maestosità di ciò che aveva visto, innumerevoli canali pieni di canoe, lunghe dighe che collegavano la città alla terraferma, piramidi coronate da templi che brillavano in lontananza e piazze immense, grandi il doppio di quelle delle principali città spagnole. Da allora la “castigliana travestita da azteca” come speso è stata definita ha attraversato i secoli cambiano più volte pelle, capitale coloniale, centro della nuova repubblica messicana, sede dell’effimero regno di Massimiliano e Carlotta, trofeo dei campesinos rivoluzionari di Villa e Zapata, fino a oggi con la rinascita del suo centro storico dopo anni di decadenza. Trasferimento in hotel. Pernottamento.

2° Giorno – 27  Ottobre  – CITTA’ DEL MESSICO

Prima colazione in hotel.  Visita della città.

A Città del Messico, che polverizza quasi ogni record urbano del nostro pianeta, la realtà appare sempre quella che non è, impossibile da afferrare in un sovrapporsi di mondi che si sfiorano e si incrociano. Eppure, constatazione incredibile ma reale, nonostante tutto la città funziona, con la sua metropolitana che ogni giorno fa quasi tre volte il giro della terra trasportando milioni di passeggeri. O con le dimensioni dei rifornimenti alimentari surrealmente visualizzate da decine di migliaia di zampe di pollo che sporgono dal ghiaccio nei furgoni parcheggiati all’alba davanti alla Central de abastos, il mercato all’ingrosso. “Nonostante tutto” potrebbe essere scritto sullo stemma di una delle più affascinanti capitali del mondo, con centinaia di manifestazioni culturali ogni week-end, più mezzi di comunicazione di Parigi o Londra, più studenti di Danimarca, Norvegia e Finlandia messe insieme. Una città che è un insieme di centri abitati dove convivono architetture d’avanguardia, chiese barocce e palazzi coloniali, centri culturali ed economici tra i più importanti dell’America Latina ma anche la più importante comunità indigena del paese, circa 400.000 immigrati che hanno spesso portato con loro le tradizioni della comunità d’origine. Una città da vivere, non solo da visitare.

La  prima tappa è lo Zocalo, una delle più grandi piazze del mondo, ombelico e riassunto della Città del Messico dai mille villaggi. Visita della Catedral Metropolitana e del Palacio Nacional dove i murales di Diego Rivera raccontano la storia del Messico. Successivamente si farà una sosta alla SEP con i suoi splendidi, e poco conosciuti, murales, alla tipica Cantina “la lirica”, al Gran Hotel con le splendide vetrate di Tiffany e al mercato della “Ciudadela”. Visita del magnifico Museo del Templo Mayor, nel cuore del sito del grande teocalli, il recinto sacro che secondo gli aztechi era il centro di tutto l’universo. Scavato solo recentemente è uno dei siti archeologici più affascinanti di tutto il Messico, con le sue piramidi sovrapposte in un gigantesco gioco di scatole cinesi, costruite una sopra l’altra in tempi successivi. Statue ieratiche di guerrieri e mura cariche di teschi scolpiti in pietra si affacciano lungo un percorso guidato che fa capire come in pochi altri luoghi le tecniche di costruzione delle piramidi precolombiane. Il bellissimo museo offre un panorama esauriente della società azteca e della sua cosmogonia tra capolavori in giada, maschere di ossidiana e grandi statue di terracotta. Si continua con la visita del  Museo Nacionàl de Antropologia, il “Louvre della Mesoamerica” si caratterizza per la ricchezza delle sue collezioni sulle civiltà mesoamericane. Tra le sale più importanti quelle dedicate a Teotihuacàn, ai Toltechi, agli aztechi e ai maya. Grandi monoliti di pietra, bassorilievi, meravigliose maschere e statuette di giada, riproduzioni di complessi sacri, il celebre calendario azteco (in realtà una pietra legata al culto solare che sintetizza la cosmogonia azteca).

 Pranzo in un ristorantino tipico. Nel pomeriggio visita di Coyoacan, antico villaggio coloniale a sud di Città del Messico amato da artisti e intellettuali, con una vivace atmosfera bohémienne di stradine, piazzette, caffè, e monumenti come la casa del conquistador Hernan Cortes. Un piccolo universo dal fascino melanconico dove la frenesia della megalopoli sembra fermarsi, soprattutto visitando le residenze di due celebrità del ventesimo secolo che rievocano con le loro atmosfere quegli anni Quaranta quando Città del Messico era una delle capitali culturali del mondo. Dove si incrociavano rivoluzionari di professione in fuga da un’Europa preda del fascismo e artisti americani in cerca di esotismo. Un universo di grandi scrittori e piccoli opportunisti, anarchici spagnoli e disperati, splendidamente raccontati nella Reina de la noche del regista messicano Arthur Ripstein. Ancora oggi entrare nella Casa Blu della pittrice Frida Kalho è come essere trascinati in un’immaginaria macchina del tempo dove i quadri, ma soprattutto gli innumerevoli oggetti raccolti dalla coppia, ricreano le atmosfere di quando attorno al tavolo della cucina sedevano registi come Sergheji Eisenstein e Luis Bunûel, intellettuali come André Breton, che considerava Frida la “quintessenza della donna immaginata dai surrealisti”, o il rivoluzionario russo Leon Trotskji che viveva a pochi isolati di distanza. Oggi la Casa Museo dedicata a Trotskji, che è sepolto nel giardino all’ombra dei cactus, è un angolo dimenticato di Città del Messico, intatto dagli anni in cui il rivoluzionario e sua moglie vissero nell’esilio messicano. Fino alla morte di Trotskji, assassinato nel suo studio proprio qui da un sicario di Stalin.

Pernottamento in hotel.

3° Giorno – 28  Ottobre  – CITTA’ DEL MESSICO

Prima colazione in hotel. Visita delle  piramidi di Teotihuacan e Nostra Signora de Guadalupe.

Partenza  per il sito archeologico di Teotihuacan, che si trova 50 km a nord est di Città del Messico. Lungo il percorso visita a la “Piazza delle tre Culture”, dove nell’autunno del 1968 vennero uccisi dall’esercito e dalla polizia oltre 400 studenti universitari, proseguimento per la visita alla Basilica di Nostra Signora de Guadalupe, è il luogo di culto più famoso dell’intero Messico. Questa è dedicata alla omonima vergine Guadalupe, patrona del Messico, dove nel dicembre del 1531 la Madonna apparve ad un indio di nome Juan Diego. Pranzo in corso di escursione Arrivo a Teotihuacan una delle più famose località archeologiche del mondo, Patrimonio dell’Umanità dal 1987. Nel VI secolo D.C., dopo la caduta di Roma, è stata la più grande metropoli dell’emisfero occidentale. Per gli aztechi era un luogo sacro, la chiamavano Teotihuacàn o la “Città degli Dei”, ma ignoravano tutto delle sconosciute divinità a cui erano dedicati quei colossali santuari. Solo oggi un’imponente campagna di scavi sta riportando alla luce i segreti di questa città potente spesso definita una New York della Mesoamerica per l’estesissima rete di rapporti commerciali. Teotihuacan ha eretto opere architettoniche che ancora oggi lasciano stupefatti. Si esploreranno i suoi templi, i palazzi e le piramidi, tra cui il Quetzalpapalotl Palace Complex, il Tempio dei pennuti Conches, la Piramide della Luna, e l’immensa piramide del Sole, classificata tra le più grandi al mondo. Pranzo in corso di escursione. Ritorno a Città del Messico e pernottamento.


4° Giorno – 29 ottobre  – CITTA’ DEL MESSICO/ PUEBLA

Prima colazione in hotel. Partenza per Puebla, la quarta città più grande del Messico, è conosciuta per le bellissime piastrelle Talavera che adornano le sue pareti, cupole, e interni, e per il  mole poblano, piatto nazionale del Messico che ha avuto origine qui. Le strade di Puebla, Patrimonio Mondiale dell’Umanità, sono fiancheggiate da chiese, palazzi e altri edifici interessanti. Lungo la strada faremo una sosta a Tonantzintla, dove visiteremo la chiesa. L’interno della  cupola, è ricoperta da stucchi colorati, santi, diavoli, fiori, frutti, uccelli e altro – un grande esempio di artigianato indigeno applicata a temi cristiani. Dieci chilometri a ovest di Puebla si trova Cholula, una piccola cittadina coloniale con alcune chiese, ed i resti della piramide Tepanapa, che misura 450 metri  per  lato della base e 65 metri di altezza, e la  rende più grande in termini di volume della  piramide egiziana di Cheope . attualmente  e sormontata da una chiesa, che rende  difficile riconoscere i resti di questa magnifica piramide. Arrivo a Puebla, visita e passeggiata tra le colorate strade della citta. Trasferimento all’ Hotel e pernottamento.

5° Giorno – 30 ottobre  – PUEBLA / OAXACA

Prima colazione. Partenza per Oaxaca, situata in una valle circondata dalla Sierra Madre del Sur, una volta era il centro delle civiltà mixtechi e zapoteca. Oaxaca di oggi è una combinazione di pre-conquista, influenze coloniali e moderni. I primi Zapotechi svilupparono una grande civiltà nel vicino Monte Alban secoli prima della nascita di Cristo. Due dei più famosi presidenti del Messico, Benito Juárez e di Porfirio Diaz, erano di origine zapoteca.

Dopo gli spagnoli conquistarono Oaxaca nel 1533, la città ha preso rapidamente  un sapore spagnolo, con edifici decorati, chiese, eleganti archi, balconi, e piazze incantevoli. Eppure, nonostante la sua eredità coloniale, la città rimane fondamentalmente con cuore Indios, in cui risiede il suo fascino.

Dopo il pranzo si visiterà Monte Alban – Patrimonio dell’Umanità – spettacolarmente situato su una montagna a 400 metri sopra la Valle di Oaxaca, a pochi chilometri a ovest di Oaxaca. Monte Alban è la più grande delle città zapoteche, ed è il centro culturale, religioso ed economico della regione. E ‘anche un trionfo di ingegneria; la cima della montagna è stata livellata per permettere la creazione del sito cerimoniale. Esploreremo la Gran Plaza, il Cortile del gioco della palla, l’Osservatorio, il Palazzo, e di altre strutture bellissime. Proseguimento per Oaxaca, arrivo e pernottamento .

6° Giorno – 31 ottobre  – OAXACA

Prima colazione. Mezza giornata di visita della città di Oaxaca e la visita del cimitero di Xoxocotlan

Oaxaca Una bellezza dai tratti coloniali che rivela capolavori barocchi come l’ex-convento di Santo Domingo, una strada che si arrampica verso il cielo e porta ai grandi monumenti di pietra di Monte Alban costruiti dagli antenati degli stessi indigeni che ancora vivono nello stato di Oaxaca, il più complesso mosaico etnico del Messico. Il cuore magico di Oaxaca è il suo zocalo, la grande piazza alberata di una città dal tocco cosmopolita e un po’ bohemien, addolcito da un languido charme provinciale. Un’irresistibile calamita che attrae ogni oaxaqueno almeno una volta al giorno. Intorno si muove l’eterogenea comunità umana che è parte integrante del fascino di Oaxaca. Indigeni scesi a commerciare dai loro villaggi dove rinasce ogni giorno la ricchezza segreta di un artigianato famoso nel mondo, animali scolpiti nel legno, ceramiche, coperte intessute con il tradizionale telar de cintura, monili e huipiles, le splendide camicette ricamate.

Cammineremo per le vie del centro della città coloniale, lungo il Duomo – con la sua bella facciata barocca, la Iglesia de Santo Domingo – una chiesa con un interno mozzafiato che abbaglia con ornamenti d’oro, e la Casa Juarez – dove il grande riformatore liberale del Messico e presidente Benito Juarez è vissuto. Avremo tempo per ammirare i colorati mercati locali, e godersi l’atmosfera vivace dello Zocalo (la piazza principale). Pranzo in ristorante locale e Visita ai mercati dedicati al Dia de Muertos e ai, fornai che preparano il pan de las animas e alle attività dia de muertos. Notte al cimitero di Xoxocotlàn.

pernottamento in Hotel.

7° Giorno – 1 novembre  – OAXACA

Prima colazione. Intera giornata sito archeologico Mitla e visita del cimitero generale.

Si visiterà il sito archeologico di Mitla, situato a  46 km a sud est di Oaxaca. Mitla era un’importante città zapoteca dopo il declino di Monte Alban,  fu in seguito occupata dai Mixtechi. Molti dei templi di Mitla sono stati distrutti dagli spagnoli, e le pietre sono state utilizzate per costruire la Iglesia de San Pablo, la chiesa cattolica che domina il sito. Esploreremo i palazzi con i loro unici mosaici geometrici in pietra, e la chiesa di San Pablo. Sulla via del ritorno per Oaxaca ci fermiamo al Arbol del Tule, uno degli alberi più grandi del mondo, si pensa che abbia più di 2000 anni.

Pernottamento in Hotel .

8° Giorno – 2 novembre  – OAXACA/TUXLA/ SAN CRISTOBAL DE LA CASAS

Prima colazione Di buon mattino partenza per Tuxtla Gutierrez, arrivo e proseguimento per il molo di Chiapa de Corzo per ul giro  in barca lungo il Canyon  Sumidero, una delle riserve naturali più spettacolari del Messico. Si tratta di una faglia geologica formata 36 milioni anni fa, con le pareti di roccia calcarea che superano i 1.000 metri, grotte e cascate tra le quali la suggestiva formazione geologica chiamata  “Albero di Natale”. Al termine proseguimento per San Cristobal città coloniale dalle atmosfere già impregnate dalla presenza dei maya nel cuore degli altipiani del Chiapas. San Cristobal si trova a due ore di auto da Tuxtla Gutierrez e lungo il percorso la vegetazione tropicale gradualmente cede il passo a un paesaggio di montagne e foreste di pini inframmezzati da piccole milpas, i campi di mais dei campesinos maya. Una terra di sincretismi culturali, come San Cristobal che mantiene intatto il suo fascino creato dalle sue architetture coloniali animate da colorati mercati indigeni, mentre nei negozi e negli ateliers degli artigiani è possibile comprare la splendida ambra locale.

Pranzo in ristorante tipico in corso di escursione.

pernottamento in hotel.

9° Giorno – 3 novembre  –  SAN CRISTOBAL DE LA CASAS

Prima colazione in hotel.  Visita a piedi  del  centro coloniale di San Cristobal de las Casas. Si visiterà la cattedrale con il pulpito stuccato in oro, sul lato nord della piazza principale, e l’imponente chiesa barocca Templo de Santo Domingo del 16 ° secolo, con la sua elaborata facciata rosata popolata di santi e aquile asburgiche che guardano impassibili i fedeli maya mentre accendono le loro complicate geometrie di candele votive. Di fronte alla chiesa c’è un vivace mercato artigianale dove i maya tzotzil dai villaggi circostanti vengono a scambiare le loro merci ma altrettanto pieno di fascino è il vicino Mercado Municipal, uno dei più belli del Messico, è il regno incontrastato delle venditrici maya, tra pile di frutta e verdura in cui si spande il profumo del mais abbrustolito. Il Museo Na Bolòm, la “Casa del Giaguaro”, offre , in un ambiente informale un’interessante panoramica delle culture indigene nell’antica abitazione dell’archeologo danese Franz Blom e della moglie, l’antropologa e fotografa svizzera Trudy Duby-Blom. Visita dei villaggi maya tzotzil di San Juan Chamula e Zinacantan. I Tzotzil sono famosi per il sincretismo dei loro riti, legati alla religione degli antichi Maya da cui discendono, che si possono vedere soprattutto nella chiesa di San Juan Chamula. All’interno, in un’atmosfera perennemente immersa nel fumo del copàl, l’incenso che accompagna da sempre le cerimonie maya, decine di statue di santi si allineano lungo i muri circondati dai simboli del sincretismo chamula, polli, bottiglie di Coca Cola, e innumerevoli candele. Sono Los Santos que hablan, gli antichi dei camuffati da rispettabili santi cattolici, ognuno dei quali incarna caratteristiche di un antico dio maya. Visita del villaggio di Zinacantan, famoso per l’abilità delle sue tessitrici. Pranzo in corso di escursione in ristorante tipico. Rientro a San Cristobal e pernottamento in hotel.

10° Giorno – 4 novembre  –  SAN CRISTOBAL DE LA CASAS/PALENQUE

Prima colazione in hotel. Partenza per Palenque.

Ai piedi delle montagne Tumbala, l’antico sito Maya di Palenque si trova in un anfiteatro naturale dominato dalle montagne dell’altipiano, un balcone naturale che domina la pianura che si estende verso nord fino alla costa del Golfo del Messico. Palenque tra il 500 e il 700 d. C, era una raffinata città-stato in grado di controllare un vasto territorio. Lungo il percorso, che scende dall’altipiano del Chiapas alla selva tropicale, visita alle spettacolari cascate di Agua Azul, le più importanti del Messico, e Misol Ha e al sito archeologico di Toninà, un’immensa collina-piramide dove recenti scavi stanno rivelando l’importanza dell’ultima grande capitale del periodo Maya Classico, un centro militare e culturale con uno stile artistico autonomo, testimoniato da raffinate sculture.

Rientro e pernottamento in hotel. Pernottamento.

????????????????????????????????????

11° Giorno – 5 novembre  –  PALENQUE

Prima colazione in hotel. Continueremo poi verso il sito archeologico di Bonampak, 148 km a sud est di Palenque. nascosto in una fitta giungla sino al 1946, fino a quando all’interno dei templi sono stati scoperti i primi meravigliosi e coloratissimi murales della civiltà maya. Una vera e propria rivoluzione sulla conoscenza dei Maya, fino ad allora considerati una civiltà di saggi ed astronomi, con le loro immagini di battaglie sanguinose e sfarzosi cortei reali. Si prosegue poi per 25 km fino al villaggio di Frontera Corozal. Da qui si prosegue per 22 km in barca sul fiume Usumacinta che segna il confine tra Messico e Guatemala. Navigando tra rive ricoperte di fitta vegetazione é spesso possibile avvistare fauna selvatica. Yaxchilan, su uno sperone di roccia a picco sull’Usumacinta, è uno dei siti più belli della civiltà Maya, un’antica città-stato nascosta nella foresta pluviale della Selva Lacandona che controllava una galaasia di città satelliti e rivaleggiava con Palenque e Tikal. Dopo aver visitato i templi si rientra a Palenque. Pranzo in ristorante locale. Pernottamento in hotel

12° Giorno – 6 novembre  –  PALENQUE/CHICANNA/PALENQUE

Prima colazione in hotel. Giornata dedicata alla visita del sito archeologico di Palenque, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, si trova a 7 km fuori dalla città. Il sito, circondato dalla foresta pluviale in cui vivono tucani e scimmie urlatrici, si compone di circa 500 edifici e si sviluppa su 15 km quadrati solo parzialmente scavati. Ancora oggi, quando le prime luci del sole illuminano le rovine in un gioco di luci e di ombre, un mondo di dei, principi e sacerdoti di pietra sembra riprendere vita, staccandosi dalle pareti dei templi per vagare nei corridoi carichi di umidità. L’eleganza e la maestria degli edifici, così come la leggerezza dei bassorilievi scolpiti con i temi della cosmogonia Maya, attestano il genio creativo di questa civiltà. L’edificio più importante è l’imponente piramide a otto livelli del Tempio delle Iscrizioni che, a differenza di altre strutture maya simili, non era solo il basamento di un tempio ma il sepolcro di Ah Pakal, il più potente governante di Palenque. La sua tomba, scoperta solo nel 1952 dall’archeologo messicano Alberto Ruiz, sepolto proprio davanti alla “sua” piramide, giace in fondo a una ripida scala sotto un’elaborata lastra tombale che raffigura la nascita dell’uomo dal mais. Di fianco al tempio un’insolita torre, probabilmente un osservatorio, domina il Palacio, una grande struttura residenziale con un dedalo di corridoi e stanze collocata su una piattaforma lunga circa 100 metri e larga 80. Si potranno poi visitare anche il Tempio del Sole e molti altri monumenti.

Pranzo in ristorante locale. Terminate  le visite partenza per Chicanna, uno tra i centri principali della Ruta Bec, caratterizzata da uno stile architettonico maya caratterizzato da grandi torri piramidali ed elaborate decorazioni.. A Chicannà la facciata della Struttura 2 rappresenta una gigantesca maschera di pietra che rappresenta il Monstruo de la Tierra.. Ritorno a Palenque per il pernottamento.

13° Giorno – 7 novembre– PALENQUE/CALAKMUL / TULUM

Prima colazione in hotel. Partenza per raggiunge il sito archeologico di Calakmul, importante città maya a 25 km dalla frontiera con il Guatemala. Situata all’interno di una delle più importanti riserve naturali protette del paese (723.185 ettari) questa antica città Maya è oggi considerata come la più grande del Mesoamerica. Vi sono state identificate 6750 strutture e 115 steli, ed il più grande numero di maschere funerarie in giada. Proseguimento per Tulum, una città fortificata costruita dai Maya, l’unica sulla costa dei Caraibi. Le rovine del porto maya di Tulùm, arroccate su un piccolo promontorio roccioso che divide due calette di sabbia bianca affacciate su un mare dall’accecante color turchese, sono una delle icone più famose del Caribe messicano. Dell’aspetto imponente della città, ancora popolata al tempo dell’arrivo dei primi spagnoli, resta la testimonianza del conquistador Juan de Grijalva che, navigando nel 1518 lungo la costa, era rimasto impressionato dall’estensione della città e dalle sue fortificazioni, con il fuoco che brillava sulla torre del Castillo, l’edificio più alto dell’acropoli.

Arrivo e sistemazione  in hotel, pernottamento.

14° Giorno  – 8 Novembre – TULUM/CANCUN

Prima colazione in hotel. Partenza per l’aeroporto di Cancun per volo di rientro in Italia.

Pasti e pernottamento a bordo.

15° Giorno -9 Novembre –  ITALIA

Arrivo in Italia. Fine dei servizi

BORNEO

UN’ESPERIENZA MERAVIGLIOSA TRA LA NATURA SELVAGGIA

Il Borneo è una destinazione unica per l’ecoturismo e i tour avventurosi, una meravigliosa natura selvaggia dove saremo in grado di osservare la natura vasta e meno esplorata con vegetazioni, clima e fauna selvatica straordinari. Durante l’avventura ci aspetta la meravigliosa bellezza della giungla sempreverde, le montagne, i laghi, i ruscelli, il sole tropicale e l’incredibile fitta foresta pluviale con fiumi lunghi e tortuosi.

La foresta pluviale tropicale del Borneo è anche la casa di migliaia di animali rari con più di 50.000 specie diverse. La diversità della vegetazione è considerata tra le più ricche della terra con molte piante endemiche che crescono solo in questa terra.

Anche le tribù indigene Dayak che abitano le fitte giungle con il loro affascinante stile di vita e tradizioni uniche rendono unico questo luogo. Gli innumerevoli fiumi rendono possibile il viaggio alla scoperta delle bellezze nascoste nella fitta foresta navigando lungo le rive.

Le strutture semplici ed essenziali ci consentono di godere appieno e sperimentare la purezza e lo stretto legame con la natura.

Il Parco Nazionale Tanjung Putingnel situato nel Borneo centrale è una delle meraviglie naturali, grazie alla sua accattivante freschezza dell’aria, all’apertura del cielo notturno che offre una vista straordinaria della Via Lattea, alla sorprendente intelligenza e cordialità dell’orangutan, ai fragorosi acquazzoni che rinfrescano l’aria e rendono limpido e brillante i colorati tramonti . Questo parco nazionale è il prototipo di una più grande e diversificata foresta palustre tropicale costiera che copriva gran parte del Borneo meridionale.

Oltre a oranghi, scimmie proboscide e altre specie di primati che sono i residenti più popolari, il parco ospita anche leopardi nebulosi, zibetti, orsi del sole, alcune specie di cervi raramente conosciute e tori selvatici chiamati “banteng”. Ospita anche oltre 230 specie di uccelli e molte specie di piante tropicali tra cui orchidee selvatiche di fama mondiale. Questo parco che copre più di 415.000 ettari è ben noto per i suoi laghi popolati da colonie stagionali di uccelli acquatici in via di estinzione, tra cui l’unica area di nidificazione del Borneo per le garzette bianche. L’area paludosa è anche la dimora perfetta per molte specie di coccodrilli, serpenti, rane, insetti e numerose specie in via di estinzione tra cui il pesce drago quasi estinto noto come arwana.

Sono disponibili vari programmi di gruppo o individuali per godersi l’avventura e vivere la bellezza esotica del Borneo e assistere alla meraviglia della nostra natura.

Siamo a tua disposizione per maggiori informazioni:

info@explorandoviaggi.it

http://www.explorandoviaggi.it

DUBAI & EMIRATI

Capodanno nel Deserto

7 Giorni – 6 Notti Euro 1690

VOLI AEREI INCLUSI

Partenza 29 Dicembre

Un fantastico viaggio per festeggiare il nuovo anno tra le incantevoli dune del deserto di Dubai.
Dubai è la città dove tutto è possibile: Il viaggio inizia con la visita della città incantata, dove passato e futuro si incontrano, : gli hotel più lussuosi al mondo, i grattacieli più alti, i centri commerciali con più negozi, la marina più grande! Deserto, mare e tanto altro.
Trascorreremo la notte del 31 dicembre  in un campo tendato dotato di ogni comfort, tra le magiche dune del deserto , il viaggio prosegue per Abu Dhabi,  indubbiamente una città interessante, più tipica di Dubai che merita sicuramente una visita. Visiteremo le attrazioni più belle ed interessanti di Abu Dhabi: il famoso Louvre Abu Dhabi , Il Ferrari World Abu Dhabi, il Palazzo del Sultano, la Grande Moschea dello Sceicco Zayed, la bellissima Corniche e Hamdan Street.
Un viaggio strabiliante, dove l’eccesso è la normalità, l’impossibile diventa reale e i record mondiali vengono continuamente battuti.

  • Programma

Giorno 1. – 29 dicembre 2020 MILANO DUBAI

Partenza da Milano con volo di linea via Istanbul – per Dubai. Pasti e rinfreschi a bordo.

Giorno 2. – 30 dicembre 2020 DUBAITour/Visita mezza giornata DUBAI MODERNA (4 ore ca.)

Arrivo a Dubai. Trasferimenti privati da aeroporto/hotel. Sistemazione in hotel 4*: THE WYNDHAM DUBAI MARINA HOTEL   o similare. Pernottamento.

prima colazione. Nel primo pomeriggio ci dirigiamo verso DUBAI MARINA, caratterizzata da splendide architetture e nuovissimi grattacieli tra cui la famosa CAYAN TOWER. Proseguiamo quindi verso la LA PALMA di JUMEIRAH  arrivando al punto piu estremo, THE POINTE, da cui si possono scattare bellissime fotografie e godere di una vista indimenticabile. Successivamente raggiungiamo  l’imponente e gigantesco HOTEL ATLANTIS che si affaccia sul GOLFO ARABICO per poi proseguire verso il MALL OF THE EMIRATES, famoso per lo SKI DUBAI (unica stazione sciistica del MEDIO ORIENTE) e il MADINAT JUMEIRAH chiamata anche LA PICCOLA VENEZIA ed infine giungere all’ICONA DI DUBAI…..IL RICCHISSIMO BURJ AL ARAB (LA FAMOSA VELA) che vedremo da fuori in quanto non è possibile entrare senza una prenotazione in uno dei bar o ristoranti che si trovano al suo interno. Rientro in hotel. Pernottamento.

Giorno 3. – 31 dicembre 2020 DUBAI DESERT CAMP

Prima colazione. Mattina a disposizione per attività balneari , lo shopping o visite facoltative.

  • “DUBAI DESERT CAMP” : nel pomeriggio partenza per il “CAMPO BASE ” dove verranno svolte una serie di attività: il DUNE BASHING in fuoristrada sulle dorate dune del deserto, PROSEGUIMENTO per il “CAMPO TENDATO” per il pernottamento e dove si potrà assistere allo spettacolo della DANZA DEL VENTRE e della TANOURA e per finire cenare gustando i PIATTI DELLA TRADIZIONE ARABA FESTEGGIANDO sotto le STELLE l’inizio del 2021

Giorno 4. – 01 Gennaio 2021 DUBAI DESERT CAMP DUBAI

Colazione nel deserto. in mattinata rientro a Dubai e tempo a disposizione per attività balneari , lo shopping o visite facoltative. Pernottamento.

Giorno 5. – 02 Gennaio 2021 Tour/Visita intera giornata DUBAI CLASSICA (7 ore ca.)

Prima colazione . Generalmente ci incontriamo intorno alle 10:15 in Hotel e iniziamo con uno stop fotografico alla nuovissima DUBAI FRAME, “la Cornice”, alta 150 mt, interamente rivestita di una lega di metalli pregiati e vincitrice del Guinnes dei Primati 2019. Ci dirigiamo poi verso il quartiere storico di Al FAHIDI (BASTAKIA) con le sue caratteristiche case arabe e le Torri del Vento. Visiteremo quindi il coloratissimo SOUK dei TESSUTI per poi attraversare il CREEK (il canale naturale che attraversa Dubai) con le ABRA (inbarcazioni arabe) e raggiungere il profumatissimo SOUK delle SPEZIE e lo strabiliante SOUK DELL’ORO. Il Tour prosegue con uno stop fotografico agli SPLENDIDI GIARDINI di ZABEEL PALACE (l’affascinante RESIDENZA DELLO SCEICCO DI DUBAI). Infine effettueremo una breve visita del DUBAI MALL (il piu’ grande Centro Commerciale al mondo). Li’ ammireremo la GIGANTESCA VASCA (la cui visita non comporta nessun biglietto d’ ingresso) del meraviglioso ACQUARIO popolata da grandi Squali e da moltissime altre specie di pesci provenienti da tutto il mondo. Successivamente Vi riaccompagneremo in Hotel (17:15 circa). Per chi desidera assistere al famosissimo spettacolo delle FONTANE DANZANTI (ore 18:00) puo’ fermarsi al Dubai Mall e rientrare in Hotel in autonomia. Pernottamento.

Giorno 6. – 3 Gennaio 2021 Giornata intera ad ABU DHABI

Partenza dall’ Hotel intorno alle 9:30. Dopo circa un’ora arrivo al famosissimo FERRARI WORLD per uno stop fotografico e si costeggerà brevemente anche il CIRCUITO DI FORMULA 1 DI YAS MARINA per poi proseguire verso la SPLENDIDA MOSCHEA DI SHEIKH ZAYED (LA GRANDE MOSCHEA BIANCA). Dopo averla visitata al suo interno breve pausa per un veloce spuntino al MARINA MALL, in posizione panoramica sulla BREAKWATER ISLAND di Abu Dhabi. Il tour procede quindi verso lo splendido EMIRATES PALACE (che vedremo dall’esterno),ammireremo lo SKYLINE DI ABU DHABI e si proseguirà per la visita del PALAZZO PRESIDENZIALE . Come ultimo fotostop e visita della giornata sosta ad ammirare la modernissima architettura del famoso MUSEO LOUVRE DI ABU DHABI. Rientro in serata a DUBAI. Pernottamento

Giorno 7. – 4 Gennaio 2021 DUBAI – MILANO

Di buon mattino, trasferimento all’aeroporto e partenza con volo di linea via Istanbul per Milano. Arrivo e fine dei servizi.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

  • Da Milano € 1690,00 con Voli Inclusi
  • ASSICURAZIONE MEDICO/BAGAGLIO con inclusa COVID COVER (obbligatoria): € 60,00 a persona (fascia età 18/64 anni)
  • € 110,00 a persona (over 65)
  • ASSICURAZIONE ANNULLAMENTO: a partire da € 90 ca. a persona (facoltativa)
  • TASSE AEROPORTUALI: € 260 ca. a persona

LA QUOTA COMPRENDE:

  • Voli andata e ritorno TURKISH in classe economica
  • Trasferimenti privati da aeroporto/htl e viceversa
  • 5 pernottamenti a Dubai /sistemazione in camere doppie e/o triple e colazione inclusa
  • 1 pernottamento nel deserto in campo tendato fisso con cena e spettacolo incluso
  • TOUR DUBAI DESERT & DUNE BASHING
  • TOUR VISITA half day DUBAI MODERNA
  • TOUR VISITA full day DUBAI CLASSICA
  • TOUR VISITA full day ABU DHABI

LA QUOTA NON COMPRENDE:

  • Pasti principali,bevande,mance ed extra in genere
  • TASSE AEROPORTUALI: € 260 ca. a persona
  • ASSICURAZIONE MEDICO/BAGAGLIO con inclusa COVID COVER (obbligatoria): € 60,00 a persona (fascia età 18/64 anni) – € 110,00 a persona (over 65)
  • ASSICURAZIONE ANNULLAMENTO a partire da € 90 ca. a persona  
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”

NAMIBIA

Splendida Namibia

11 Giorni – 10 Notti da Euro 3190

Partenze a Date Fisse

Questo Tour è l’ideale per chi vuole conoscere i luoghi piú caratteristici della Namibia avendo però a disposizione un tempo limitato.  Questo tour safari include le destinazioni classiche della Namibia: il Namib Naukluft Park ed il Sossusvlei, Swakopmund -cittadina sulla Costa dell’Oceano Atlantico-, la parte meridionale della Skeleton Coast, il Damaraland e l’Etosha National Park.

Programma:

1 Giorno WINDHOEK

Arrivo al Windhoek International Airport , disbrigo delle formalità d’arrivo e ritiro bagagli.  Incontro con un nostro assistente e trasferimento in Hotel a Windhoek..  Oggi incontrerete anche la Vostra Guida di lingua Italiana.  Giornata libera e tour della Citta`.

Pernottamento presso l’AVANI WINDHOEK HOTEL o similare con la prima colazione compresa.  Pranzo e cena liberi (non compresi nel tour).

2 Giorno KALAHARI

Prima colazione in Hotel e da Windhoek si prosegue direttamente in direzione sud per raggiungere l’ Intu Afrika Kalahari Game Reserve.  L’Intu Afrika Game Reserve e’ situato nel Kalahari dove potrete notare la differenza tra un deserto e l’atro, cioè tra il Namib ed il Kalahari.   Arrivo al Lodge per pranzo e nel pomeriggio potrete partecipare ad un giro in jeep aperte nella zona desertica del Intu Afrika Game Reserve (attività inclusa).  Pernottamento presso l’ INTU AFRIKA GAME RESERVE ( puo essere presso il Zebra Lodge, il Camelthorne Lodge o il Suricate Tented Lodge)  in pensione completa.    

3 Giorno

Questa mattina escursione con i boscimani che vivono in questa zona.  In mattinata si prosegue verso sud-ovest verso il Deserto del Namib. Durante questo tragitto attraverserete dei spettacolari paesaggi per entrare nella regione centrale namibiana.

 Arrivo nel tardo pomeriggio al Lodge al confine col Namib Naukluft Park. Il pranzo è incluso durante il trasferimento.

Pernottamento presso il SOSSUSVLEI LODGE ( o Le Mirage Resort and Spa) o similare in mezza pensione.   

4 Giorno

La mattina presto parteciperete ad un’escursione  nei pressi dell’antico Tsauchab river, visitando il Sossusvlei, la duna 45 e il Deadvlei. Molti turisti affermano che non c’è nessun’altra parte del deserto piú impressionante del Sossusvlei, con le sue dune monumentali e l’ombra delle loro sinuose creste che cambiano continuamente in funzione dell’inclinazione solare. Montagne di sabbia dalla forma a stella arrivano fino a 325 m di altezza. Le calde tinte della sabbia, che vanno dal color albicocca, all’arancione per arrivare fino al rosso, contrastano in maniera incredibil  e con il bianco dell’argilla delle depressioni alla base delle dune. Nel pomeriggio visiterete anche il Sesriem Canyon, un piccolo e pittoresco  canyon eroso dallo Tschaub river nel corso di millenni.

Pernottamento presso il SOSSUSVLEI LODGE o similare in mezza pensione.  Pranzo oggi NON compreso.

 5 Giorno Oggi continuerete il vostro viaggio in direzione nord lungo il confine orientale del Namib Naukluft Park passando attraverso il piccolo insediamento di Solitaire sulla strada verso il Gaub e il Kuiseb Canyon. Continuerete attraverso il  “gravel plains” del Namib Desert , verso la città costiera piú rinomata della Namibia, Swakopmund. Lungo il viaggio visiterete l’evidente erosione del  “Moon Valley” e una delle piú antiche piante al mondo: la  “Welwitschia mirabilis”. Arrivo nel tardo pomeriggio  a Swakopmund.

Pernottamento presso il HANSA HOTEL ( o il Zum Kaiser o il The Delight) o similare con la prima colazione compresa. Pranzo al sacco incluso durante il tragitto. La cena stasera sarà presso un ristorante locale, ma non è inclusa.

6 Giorno

Questa mattina escursione in catamarano per avvistare le otarie e con un po di fortuna i delfini.  In genere si passa anche Pelican Point dove` si trova una grande colonia di Otarie.  Rientro a Walvis bay in tarda mattinata e si fa l’escursione in 4 x 4 con esperte Guide al rinomato Sandwich Harbour.  Rientro nel tardo pomeriggio e breve  visita del porto piú importante dell’intera Namibia, Walvis Bay, e la sua laguna, protetta dalla convenzione RAMSAR in quanto terra umida. La laguna è famosa per l’abbondanza di meravigliosi fenicotteri.  Si ritona a Swakopmund nel tardo pomeriggio.  Oggi questa tranquilla città di Swakopmund, circondata dal deserto e dal mare, è ricoperta di una ricca vegetazione, palme e giardini pubblici. C’è un’ottima scelta di ristoranti e caffè che offrono la tradizionale pasticceria tedesca, mentre la costa e il deserto propongono svariate opzioni per chi ama l’avventura o il relax.

Pernottamento presso il HANSA HOTEL o similare con la prima colazione compresa.  Pranzo leggero durante l’escursione a Sandwich harbour.  La cena non e` comprese.

7 Giorno

Partenza presto da Swakopmund per proseguire in direzione nord viaggiando lungo la costa fino a Henties Bay.  Lasciando la costa, si prosegue verso est attraverso le “gravel plains” in direzione dell’ ormai abbandonata città mineraria di Uis, e la piú alta catena montuosa della Namibia. Il Brandberg è alto 2573 m  ed è conosciuto per il famoso esempio di arte boscimane: “the White Lady”.  Twyfelfontein è una delle aree piu’ ricche di incisioni rupestri in Namibia. L’escursione guidata a piedi vi condurrà fra alcune di queste incisioni. Le interessanti formazioni geologiche di quest’ area includono la  “Burnt Mountain”  e le colonne dolomitiche conosciute come “Organ Pipes”.

Arrivo nel tardo pomeriggio per il pernottamento presso il TWYFELFONTEIN COUNTRY LODGE o similare in mezza pensione . (Pranzo non compreso.)

8 Giorno

Sveglia presto questa mattina per la prima coalzione e partenza immediata da Twyfelfontein verso la zona di Kamanjab e il OTJIKANDERO o OMAPAHA HIMBA ORPHAN VILLAGE.  Lungo il percorso Vi fermerete per una breve visita della foresta pietrificata, con i suoi cinquanta esemplari di alberi pietrificati che risalgono a circa 260 milioni di anni fa.

Arrivo all’ OTJIKANDERO entro le 11h00 e visita del villaggio dove` avrete la possibilita` di conoscere un po come vive e le trazioni di questo bellissimo popolo Himba. 

Pranzo incluso dopo la visita di Otjikandero.  Nel primo pomeriggio partenza verso Sud per il Taleni Etosha Village o similare.    

Pernottamento presso TALENI ETOSHA VILLAGE ( o Etosha Safari Camp o Lodge) o similare in mezza pensione che comprende la cena.  Pranzo oggi e`compreso.

N.B. I cancelli del Parco Etosha aprono all’alba e chiudono al tramonto.  E’ bene informarsi all’entrata del Parco Etosha, sull’ora esatta dell’apertura e chiusura degli  ingressi al Parco.

9 Giorno

Sveglia presto e partenza per un intera giornata di safari in mezzi aperti 4 x 4 da Safari !  Giornata dedicata al safari fotografico all’interno dell’Etosha National Park nell’area centrale di Okaukuejo. L’Etosha ospita 114 specie di mammiferi,  350 specie di uccelli e 21 differenti tipi di vegetazione. Le specie che comunemente possono essere avvistate sono: la zebra Burchell, lo springbok, l’impala dalla muso nero, lo gnu, il gemsbok, , l’orice, le giraffe e il red hartebeest. Il parco ospita anche un buon numero di elefanti, leoni e rinoceronti neri. Oggi visiterete anche l’Etosha Pan o il “grande posto bianco”. (Pranzo – un lunchpack e’ incluso).

Pernottamento presso il TALENI ETOSHA VILLAGE o similare, in mezza pensione.

10 Giorno

Partenza dal Lodge per proseguire verso sud passando Outjo, Otjiwarongo, Okahandja e Windhoek  per arrivare al N/a’an ku se Lodge o similare nel primo pomeriggio in tempo per partecipare ad un’ attività come proposta dal Lodge. Lungo il percorso visita del mercato artigianale di Okahandja Pernottamento presso il N/A’AN KU SE LODGE o similare, situato ad est di Windhoek,  in mezza pensione con attività inclusa.  Pranzo oggi e’ compreso.

11 Giorno

Mattinata libera e trasferimento all’Aeroporto Internazionale di Windhoek. Pranzo NON compreso. Fine dei servizi.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE A PERSONA

PARTENZA DI GRUPPO – Min 6 partecipanti

Da Windhoek – bassa stagione                     Euro  2.890,00

Suppl. singola                                                Euro    390,00

Suppl. base 4 partecipanti Euro 390,00

Suppl. base 2 partecipanti Euro 690,00

Da Windhoek – alta stagione                        Euro  3.100,00

Suppl. singola                                                Euro     450,00

Suppl. base 4 partecipanti                             Euro     390,00

Suppl. base 2 partecipanti                             Euro  1.600,00

Q.I./Ass. medico-bagaglio                                        Euro      40,00

Ass. annullamento con coperture Covid  a partire        Euro    150,00

Alta stagione: 01 Novembre – 05 Gennaio / 01 Luglio – 31 Ottobre

Bassa stagione: 06 Gennaio – 30 Giugno

LA QUOTA COMPRENDE :

* Pernottamento in mezza pensione o come da programma
* Guida parlante ITALIANO per tutto il tour.  * Trasporto in micro bus o simile  con aria condizionata per tutto il Tour e spese relative incluse.   * Tutte l’escursioni previste nel programma. * Safari d’intera giornata nel Parco Etosha in mezzi 4 x 4 aperti.
* Tasse d’entrata nei parchi e nelle zone protette.
* Facchinaggio.
* Assicurazione Aeromed – Emergency Medical Evacuation Insurance.


LA QUOTA NON COMPRENDE :

*Tutti i voli. *Visti, tasse d’imbarco e tasse Aeroportuali. *Escursioni non incluse e/o stipulate nel programma.
* Tutte le bevande alcoliche e analcoliche durante i pasti nei ristoranti, alberghi etc.
* Spese personali come telefono, lavanderia etc.
* Optional extras.
* Gratuita’ e mance.

 



OTJIKANDERO HIMBA ORPHAN VILLAGWE

L’ Otjikandero Himba Orphan Villagwe e` situato a circa 20 km dalla citta’ di Kamanjab nella fattoria  di famiglia.

Il tour guidato in un autentico villaggio Himba non solo vi darà una visione approfondita della vita e dei modi dell’ultima tribù tradizionale in Namibia, ma sarà anche una straordinaria opportunità fotografica.

TOUR GUIDATI GIORNALIERI SU RICHIESTA!

Qui potete vedere la cerimonia della mungitura, il bagno di fumo, potrai capire da vicino le credenze che girano intorno al fuoco sacro, sugli antenati e sulla fitoterapia. Imparerai anche l’importanza dei gioielli e le pettinature per imitare lo status di ogni membro della tribù e il loro stretto rapporto con la natura, i loro bovini e i loro bambini.

L’inizio:

Il progetto del villaggio orfanotrofio di Otjikandero Himba è iniziato nel 1999 quando Jaco Burger si è trasferito nel Kaokoland per lavorare e vivere con una tribù Himba. Jaco aveva gia incontrato Mukajo, una donna Himba, prima di trasferirsi.  Mukajo, a causa  della leucemia, non avrebbe mai potuto avere figli, ma come l’ultima regina nella sua linea di sangue degli Ovahimba e considerando il suo grande amore per i bambini era disperata! Jaco e Mukajo si sono uniti per il progetto orfanotrofio Himba, e si sono sposati secondo un tradizionale matrimonio Himba. Alle donne non è permesso avere figli nella tradizione Ovahimba a meno che non siano sposate. Jaco decise di vivere con gli Ovahimba nel Kaokoland e fu adottato dagli Ovahimba e dai loro capi. Ha anche una madre Himba con la quale ha vissuto per un paio d’anni, cosa che gli ha permesso di imparare la loro lingua.

Le tradizioni:

L’Himba è una delle ultime tribù africane (oltre ai  San) che vive rigorosamente nella propria tradizione. In Angola ci sono Ovahimba che non hanno mai visto una persona di pelle bianca prima d’ora!

Nella tribù Ovahimba, quando hai più di 10 figli, e ti puoi permettere la prima e la seconda moglie, devi prendere una terza moglie. Questa è la tradizione e le regole sono stabilite dai capi nel Kaokoland. Tutto è supervisionato dai capi, e dai capi delle famiglie per mantenere vive le tradizioni della gente. Tutti i primi matrimoni sono organizzati, ma uno e più che il benvenuto a vivere con il suo vero amore, ricordando che la prima moglie è ancora il capo della famiglia! Nessuna gelosia nella tribù degli Himba! Sarebbe come infrangere la legge.

Il villaggio:

In questa fase Jaco ha tre mogli e 39 bambini, con 16 donne volontarie Himba (compresi i loro figli, tra 4 e 8 bambini per donna volontaria Himba) del Kaokoland che i capi mandano per aiutare i bambini durante un certo periodo. Stanno nel villaggio con le loro famiglie e i bambini per 3 o 6 mesi (a volte anche di più) prima di tornare a Kaokoland. Le donne Himba del Kaokoland vengono a vivere lì per aiutare la crescita dei bambini. Queste donne sono in genere parenti dei bambini e assicurano che i bambini crescano secondo la maniera tradizionale. Sei dei bambini del villaggio frequentano la scuola elementare locale, ma a causa di ciò i bambini vengono a contatto con l’Occidente e possono esserci dei mutamenti nel loro comportamento ed aspettative.

I beneficiari:

I soldi ricevuti per le visite al Progetto Himba vanno in un Fondo Fiduciario che viene principalmente utilizzato per il cibo e altre necessità. Quando i residenti del villaggio si ammalano e la loro medicina tradizionale non funziona, li mandano da un medico generico privato. I bambini sono visti da un medico quasi ogni mese e talvolta ricevono vaccinazioni contro le malattie occidentali, considerando la quantità di contatto che hanno con i turisti d’oltreoceano. Inoltre, il progetto sostiene le famiglie Himba legate alla comunità che stanno lottando a causa di problemi con il bestiame. Il progetto assiste nel pagamento delle spese di trasporto e di altre spese che possono sorgere. Queste famiglie ricevono anche il sostegno sotto forma di farina di mais e carne, specialmente se ci sono dei funerali o altre eventi familiari nel Kaokoland. Attualmente forniamo di cibo, vestiti e coperte, ogni anno circa 10 famiglie nel Kaokoland, tra 15 e 20 donne volontarie con i loro figli, 34 bambini orfani e le scuole locali intorno a Kamanjab.

Il Progetto Orfanotrofio Otjikandero e il primo fondo fiduciario registrato in Namibia per gli orfani.  Con il Progetto Orfanotrofio Otjikandero cerchiamo di dare alla tribù locale la possibilità di sopravvivere nel mondo occidentale. Siamo molto orgogliosi dello stile di vita, della tradizione e della cultura Himba e ci sforziamo di assicurare che le generazioni future vivano e prosperino nella fattoria con noi e che il progetto possa continuare a crescere.

Il team del Progetto Orfanotrofio Otjikandero desidera ringraziarvi per il vostro interesse e supporto in questo progetto!

L’Omapaha Himba Village è collegato al villaggio di Otjikandero Himba. I 2 villaggi stanno lavorando insieme per sostenere e mantenere la cultura Ovahimba in modo che possano continuare a vivere la vita originale della tribù e sostenere gli orfani della tribù.

A causa della grave siccità in Namibia degli ultimi anni nella fattoria Cauas-Okawa, dove si trova il villaggio di Otjikandero, abbiamo ricevuto aiuto da un agricoltore e amico – il signor Jakkie Robberts nella sua fattoria – Vierling. Qui ci sono stati altri pascoli per gli animali della tribù Himba di Otjikandero e abbiamo spostato alcune persone da Otjikandero alla sua fattoria.

La vita quotidiana e la tradizione continueranno come a Otjikandero.

Per favore, vienite a trovarci all’Omapaha Himba Village in Farm Vierling.

QUESTO NON È UN VILLAGGIO DI SPETTACOLO, né uno zoo umano, ma semplicemente uno scambio culturale dove le persone possono conoscere questi incredibili popoli nomadi prima che la loro eredità si perda per sempre a causa del fatto che il mondo occidentale si sta evolvendo alla velocità luce … Le persone del villaggio attualmente si prendono cura di 36 bambini orfani e i fondi generati da questi tour sono usati per prendersi cura di loro e delle famiglie del villaggio responsabili di prendersi cura degli orfani.

Vorremmo anche sottolineare che NESSUN contributo aggiuntivo (come il cibo ect) a questo riguardo è necessario in quanto il costo di ciascun tour si prende cura di fornire quello. Inoltre, nel villaggio non sono ammesse penne e matite, bottiglie d’acqua vuote e borse di plastica, vestiti o altri accessori di civiltà occidentale, perché i bambini non sono abituati e il villaggio diventa disseminato non appena la novità di una nuova “penna” è svanita. Non capiscono il concetto di “spazzatura occidentale” e ora dobbiamo assumere qualcuno per pulire il villaggio dopo che tutti gli ospiti hanno lasciato le bottiglie d’acqua vuote ecc .. perché è stato dato ai bambini con cui giocare. Questo insegna anche ai bambini a chiedere l’elemosina ed è qualcosa che vogliamo disperatamente evitare. Vorremmo chiedere che articoli come i dolci (da scartare per favore!) E frutta per i bambini siano dati alla nostra guida o alla caposcuola del villaggio dopo il tour e lei lo distribuirà tra i bambini come lei ritiene opportuno.

Poiché i bambini Himba sono gli unici bambini, culturalmente scusati dal non andare a scuola, dal governo, il 95% dei bambini nel villaggio viene allevato tradizionalmente secondo le decisioni degli anziani quando questo villaggio è stato avviato. Solo il 5% è autorizzato ad andare a scuola. Un altro motivo è che nella tribù Himba, i bambini sono responsabili del lavoro (pastorizia, pecore ecc.) Così quando tutti i bambini vanno a scuola, la tribù non funzionerà tradizionalmente ei bambini diventeranno troppo occidentalizzati, come risultato, la cultura si impadronirà di esistere.

Questa decisione è presa esclusivamente dagli anziani e dal capo della tribù e noi o Jaco il capo di questo Progetto non ha alcuna influenza su questo. Per quelli di voi che vorrebbero donare un po ‘di penne, libri, matite etc ai bambini, chiediamo che venga consegnato alla nostra guida e non al villaggio, in modo che possa essere distribuito tra i bambini che vanno a scuola al momento in cui ne hanno bisogno.

NESSUN ALCOOL SARÀ CONSENTITO IN QUESTO TOUR NEL VILLAGGIO !!!

Questo è uno dei motivi principali per cui questa cultura si sta estinguendo e corrotta!

Vorremmo ringraziarvi per la comprensione e il supporto in questo progetto e confidiamo che con la vostra collaborazione, saremo in grado di fornirvi un tour e un servizio ben organizzato e informativo.

OKUHEPA – Grazie!

DOCUMENTI NECESSARI PER ENTRARE IN NAMIBIA

E’ necessario il passaporto con validità 6 (sei ) mesi dalla data prevista del rientro. Nessun visto speciale viene richiesto per Passaporto Italiano. Al momento dell’ingresso nel paese, il passaporto viene vidimato con un visto turistico ( soggiorno massimo consentito tre mesi).  Il Passaporto deve avere almeno 4 ( Quattro) pagine vuote per i visti. Consigliamo ai cittadini non in possesso di passaporto italiano di verificare i documenti necessari tramite le autorità competenti.

NOTA IMPORTANTE :

Se si viaggia con minori (sotto i 18 anni non compiuti) in arrivo, transito o partenza dal territorio sudafricano, ogni minore dovrà essere munito di passaporto individuale ed estratto di nascita plurilingue in cui siano riportati i nominativi dei genitori, pur se accompagnato da entrambi. Inoltre, nel caso in cui il minore viaggi accompagnato da un solo genitore o da un tutore, dovrà essere in possesso di una dichiarazione giurata (in forma di affidavit) riportante il consenso dei genitori. 

SRI LANKA

Le Perle dello Sri Lanka

8 Giorni – 7 Notti Euro 950

Partenze Settimanali

Programma:

1° Giorno DOMENICA     COLOMBO – (40kms – ca.: 01h)

Arrivo in Colombo e trasferimento in città. Inizio del tour

Il Tour a  Colombo, comprende: visite delle zone commerciali, residenziali e Bazaar, templi induisti e buddhisti, palazzo dei congressi, monumenti funerari e stupa, il mercato galleggiante.

Colombo,  capitale commerciale dello Sri Lanka fino ai giorni nostri, è una città affascinante con accoglienti combinazioni di storie passate e presenti. E’ il centro commerciale della Nazione.

I coloni  portoghesi, olandesi e gli inglesi hanno lasciato nelle loro chiese  e monumenti, i nomi e le religioni, costumi , cibo e tradizioni  delle loro lingue che sono state assorbite nelal dello Sri Lanka. A Colombo, attrazioni da visitare sono: – templi buddisti, templi indù, moschee, chiese cristiane, Parchi, Zoo, Musei e gallerie d’arte.

Pranzo in ristorante locale. Arrivo in hotel e check in. Cena e pernottamento in hotel

2° Giorno LUNEDI    COLOMBO/PINNAWALA/HABARANA – (190kms 1way – ca.: 5h)

Dopo la colazione trasferimento ad Habarana / Dambulla e durante il tragitto visita dell’orfanotrofio degli elefanti di Pinnawela

PINNAWELA

Pinnawela, una casa per oltre 60 elefanti (di cui alcuni sono cuccioli) che sono stati presi o trovati nelle foreste e, a causa delle ferite o della situazione di abbandono in cui si trovano, in questa casa vengono curati e nutriti e addomesticati dagli animalisti. Il periodo migliore per visitarli è la mattina per le 9 circa in quanto i piccoli vengono allattati dai biberon e dopo vengono accompagnati, anche da voi stessi, al fiume per il bagno.

Pranzo in ristorante locale, Cena e pernottamento in hotel

3° Giorno MARTEDI        HABARANA/SIGIRIYA/POLONNARUWA/HABARANA – (60kms 1way – ca.: 1h 45m)

Dopo la colazione trasferimento verso Sigiriya

SIGIRIYA

Sigiriya è un sito archeologico dello Sri Lanka centrale.
Contiene le rovine di un antico palazzo, costruito durante il regno di re Kasyapa (477 – 495 d.C.). È uno dei sette Patrimoni dell’umanità dello Sri Lanka, ed una delle attrazioni preferite dai turisti stranieri. Preparatevi a scalare La rocca del leone, ,una fortezza naturale di pietra vulcanica, alta 200 m con in cima I resti di una fortezza costruita nel V secolo d.c. Vi si accede attraverso un giardino con vasche e canali, oltre i quali si trovano i pochi resti della cittadella bassa. Inizia quindi la salita ripida, fino a un anfratto a strapiombo dove si ammirano i fantastici affreschi su roccia di 19 mezzi busti di sorridenti fanciulle ricche di grazia e sensualità.

Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio è prevista l’escursione a Polonnaruwa

POLONNARUWA

Polonnaruwa, la seconda capitale dello Sri Lanka costruita tra l’11° e il 12° secolo d.c. è un patrimonio dell’umanità. Qui potrete vedere le antiche rovine del palazzo Reale chiamato Gal Vihara caratterizzato da 4 grandi statue verticali di Buddha insieme alla sala delle udienza, il bagno di Lotus, la statua del re Paracramabahu ed il lago Parakrama samudraya costruito dal re Parakramabahu il grande. Ci sono anche molti altri monumenti famosi come ad esempio il tempio di Shiva, il Lankathilaka, il Watadaghe, il Golpotha, il Kiri Vehera e i resti di una precedente tempio del reliquia del dente.

Cena e pernottamento in hotel

4° Giorno MERCOLEDI    HABARANA/DAMBULLA/MATALE/KANDY – (120kms – ca.: 3h)

Dopo colazione trasferimento a Kandy, visita alla grotta di Dambulla Templae e al giardino delle spezie a Matale lungo la strada.

Pranzo in ristorante locale. Nel pomeirggio è previsto l’arrivo a Kandy e la visita del tempio del dente

KANDY

Kandy fu l’ultima capitale dei Re dello Sri Lanka, ed è un patrimonio dell’umanità e il nome”Kandy” evoca visioni di splendore e magnificenza. Molte delle leggende e tradizioni folcloristiche sono ancora tenute in vita e ricordate con amore. Visita attorno al lago di Kandy costruito dall’ultimo re cingalese, Sri Wickrama Rajasinghe nel 1798, e visita alla città di Kandydove sono presenti bazar, arte, mestieri, e un museo di gioielli.

TEMPIO del Sacro Dente – Quando il re Wimaladharmasuriya I (1592-1604 dC) divenne re di Kandy, ha cercato la reliquia del dente del Buddha e ha scoperto che fu segretamente custodita a Delgomuwa, Tempio buddista sito in  Kuruwita, per più di 44 anni, nascosto in una mola.

Il re andò  lì di persona e portò la reliquia del Sacro Dente a Kandy in una processione accompagnata dal re. Il primo tempio della reliquia del dente è stato costruito da Wimaladharmasooriya I accanto al Palazzo Reale.in seguito a un incendio che bruciò questo primo edificio,  Il re Wimaladharma Sooriya II (1687-1707) fece erigere un edificio di 3 piani per ospitare la Sacra Reliquia del dente.
E ‘stato bruciato ancora una volta e di un nuovo edificio di 2 piani è stato costruito dal re Narendra Singhe (1707-1739 dC) e quello che vediamo oggi potrebbe essere l’edificio costruito da lui. Dipinse anche 32 storie Jataka sulle pareti esterne dell’edificio. In aggiunta alle 3 “puja” quotidiane,  4 feste annuali si tengono al Tempio della reliquia del dente

In serata visita al tempio della reliquia del dente e successivamente, assisterete ad uno spettacolo culturale con danze tradizionali dello Sri Lanka.

Cena e pernottamento in hotel

5° Giorno GIOVEDI KANDY/NUWARA ELIYA/KANDY (120kms 01 way – ca.: 2h 30m)

Dopo la colazione si procede per Nuwara Eliya , durante il tragitto visita di una piantagione di te e la sua fabbrica. Pranzo in ristorante locale. Si prosegue con la visita della città di Nuwara Eliya

NUWARA ELIYA

Nuwara Eliya è il cuore dello Sri Lanka, la parte collinare dell’isola. E ‘la casa del famoso Ceylon Tea e le montagne ondulate sono un tappeto di vellutate piantagioni di tè verdi, intervallati da zampillanti ruscelli e scroscianti cascate. Il clima salubre, valli nebbiose e il carattere decisamente britannico fanno di Nuwara Eliya un must su qualsiasi itinerario di viaggio Sri Lanka.

Cena e pernottamento in hotel

6° Giorno VENERDI         KANDY

dopo la colazione giro per la città di Kandy e tempo libero per lo shopping

Pranzo in ristorante locale. Pomeriggio a disposizione per visite facoltative o il relax .

Cena e pernottamento in hotel

7° Giorno SABATO          KANDY/NEGOMBO – (120kms – ca.: 3h)  

Dopo la colazione trasferimento a Negombo

Pranzo in ristorante locale. Resto della giornata a disposizione per attività balneari o escursioni facoltative.

Cena e pernottamento in hotel

8° Giorno DOMENICA     NEGOMBO/AIRPORT – (10kms – ca.: 20m)

Dopo la colazione trasferimento in aeroporto e fine dei servizi.

QUOTE DI PARTECIPAZIONE A PERSONA 

Partenza garantita OGNI SABATO da Colombo – minimo 2 partecipanti

Hotel 3* –               Euro       950,00

Suppl. Singola            Euro       230,00        

Hotel 4* Euro      1180,00

Suppl. Singola              Euro       350,00        

Q.I./Ass. medico-bagaglio                                     Euro  40,00

Ass. annullamento con copertura Covid     a partire da  Euro  120,00 

Costo include:

  • Sistemazione in pensione completa a partire dal pranzo del primo giorno per terminare con la colazione dell’ottavo giorno
  • Trasporto in veicolo con aria condizionata con accompagnamento di guida/autista parlante italiano
  • Biglietti di ingress ai siti: Pinnawela, Kandy tempio del dente, Dambulla Cave Temple, Sigiriya,  Polonnaruwa
  • Drink di benvenuto e salviette rinfrescanti in ogni hotel
  • Biglietti di ingresso per lo show di danze tipiche a Kandy

Costo non include:

  • mance
  • bevande e pasti addizionali
  • tutto quanto non incluso nella quota include
  • supplementi obbligatori gestiti dagli hotels in particolari periodi dell’anno